Pat: vertici a rischio

letizia moratti

Il sindaco di Milano, Letizia Moratti

Milano – “Per l’immagine del Pio Albergo Trivulzio abbiamo bisogno di un segnale di assoluta discontinuità per dare garanzie che il patrimonio dell’ente sia amministrato nella maniera migliore per poter attirare nuove donazioni da parte dei privati”. Queste le parole del sindaco, Letizia Moratti rilasciate ai micrifoni di Alfonso Signorini poco prima dell’inizio del consiglio di amministarzione del Pat radunatosi, in queste ore, per discutere il futuro di tutto il management dell’ospizio milanese e valutare di che natura siano state le vendite delle case pubbliche negli ultimi 5 anni.

La dichiarazione del sindaco conferma la volontà, già accennata nei giorni precedenti, di sostituire l’attuale presidente del Trivulzio, Emilio Trabucchi per ridare nuovo lustro e credibilità all’Istituto, dopo l’ultimo scandalo Affittopoli.

La vicenda degli appartamenti a canone privilegiato o venduti al di sotto del prezzo di mercato a volti noti del mondo chic e della politica è scoppiato una settimana fa a seguito dell’insistenza della finiana Barbara Ciabò. La presidentessa della commissione comunale Casa, da tempo chiedeva l’avvio di una seria operazione trasparenza intorno agli immobili pubblici di Milano. Ora le Istituzione comunali in accordo con il governatore della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, sembrano decisi a dare un cambio di rotta alla gestione della Baggina (soprannome confidenziale con cui i milanesi hanno ribatezzato il Pio Trivulzio) a partire dalla sua prima testa: Trabucchi, appunto.

Ciabò, tuttavia, non è soddisfatta. Sostiene che l’elenco degli immobili continuerebbe ad essere lacunoso e, in effetti, i continui scoop giornalistici sullo scandolo lascerebbero intendere che molto ci sia ancora da chiarire sull’amministrazione disinvolta degli ultimi anni.

Il nuovo capitolo della vicenda Baggina riguarda i 1.791 cespiti della Fondazione Policlinico. Tra gli inquilini “eccellenti” compaiono nomi quali l’ex assessore regionale, Piergianni Prosperini e il consigliere dei Verdi, Enrico Fedrighini. Il primo, già finito agli arresti per tangenti, gode attualmente di 700 metri2 a Vernate (Milano) a poco meno di 1000 € al mese. Il secondo è sostenitore del candidato sindaco, Giuliano Pisapia e vive in un locale, zona S. Siro, di 120 m2 a 1.250 € mensili. Sembra, a prezzi di mercato. Il sindaco Moratti ribadisce: “Non facciamo la caccia alle streghe”.

Chantal Cresta

Foto || http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2011/02/22/visualizza_new.html_1584802898.html?idPhoto=1

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews