Paolo Brosio candidato a Prato col Movimento Medjugorje: la bufala

Paolo Brosio candidato a sindaco di Prato con il Movimento Medjugorje? Una bufala con tanto di manifesti. E lui si arrabbia...

paolo-brosio-prato-sindaco-movimento-medjugorje-bufala

Uno dei cartelloni affissi in giro per Prato (lettera43.it)

La conversione spirituale di Paolo Brosio è cosa nota a tutti. Che avesse fondato un Movimento Medjugorje per concorrere alla carica di sindaco di Prato decisamente no. Sicuramente saranno stati spiazzati i cittadini di Prato, dopo l’apparizione in mattinata di numerosi manifesti elettorali che invitavano a votare l’ex inviato di Studio Aperto, candidato alla poltrona di primo cittadino. Ma lo stupore si è trasformato ben presto in risata: la candidatura altro non era che una bufala.

PATRIA, FAMIGLIA E SPIRITO SANTO - Per le vie di Prato sono stati affissi nella scorsa notte diversi manifesti al limite del surreale. Il volto di Paolo Brosio campeggiava in bella vista, accanto allo slogan Patria, Famiglia e Spirito Santo. E all’invito altrettanto religioso a votare il suo “partito”: esiste un undicesimo comandamento, vota Movimento Medjugorje. Una burla fin troppo ben confezionata e basata sulla forte conversione religiosa di Brosio, che ha fatto a lungo dubitare della sua veridicità. Almeno fuori dalla cittadina toscana, che ben sapeva come tra i candidati a sindaco di Prato non figurasse ovviamente il giornalista piemontese.

BUFALA CONTRO LA CORSA SELVAGGIA ALLA POTRONA - Il tam tam mediatico delle foto, dal forte impatto virale, è stato immediato. E ci sono volute alcune ore prima che si riuscissero a definire i contorni della bufala. Una bischerata vera e propria, per dirla alla toscana, evidentemente confezionata ad hoc anche per scimmiottare la corsa alla poltrona di primo cittadino di Prato. Sono infatti ben 9 i candidati a sindaco del comune capoluogo toscano.

paolo-brosio-prato-sindaco-bufala

Un’altra affissione sugli spazi dedicati ai manifesti elettorali (Twitter @giornalettismo)

BROSIO ARRABBIATO – Il diretto interessato non l’ha presa benissimo. Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, Paolo Brosio starebbe pensando addirittura ad adire vie legali: «Farò un comunicato nel quale annuncerò azioni legali per i danni subiti. Ma vi sembrano questi scherzi da fare? Non si può confondere la satira con la religione e la politica». Brosio ha inoltre riferito che ieri avrebbe lavorato ad una inchiesta su fatima, che oggi la Rai non vorrebbe più mandare in onda perché la rete non crede al fatto che lui non sia davvero candidato.

DROGA, ALCOOL E SESSO. POI MEDJUGORJE - Paolo Brosio ha avuto una vera e propria svolta mistica nella sua vita, in seguito ad un travagliato periodo personale. Dopo il doppio divorzio – prima con Serenella Corigliano e poi con la modella cubana Gretel Coello - la morte del padre Ettore ed un attentato incendiario al locale “Twiga Beach Club” di cui è socio lo spinsero verso un periodo di abbandono tra droga, alcool e sesso. Un pellegrinaggio a Medjugorje segnò per lui l’inizio di una nuova vita, testimoniata dal libro A un passo da baratro uscito a fine 2009.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews