Palio di Siena, è già morte: cavallo ko nella tratta, abbattuta Periclea

Tragedia al Palio di Siena: il cavallo Periclea, femmina di 7 anni, si infortuna durante la tratta. Abbattuta dal veterinario per la gravità delle ferite

Palio-di-Siena-morte-cavallo-periclea-tratta

Un cavallo ferito durante una edizione del palio di Siena (controradio.it)

Si apre sotto i peggiori auspici il Palio di Siena 2015: durante le operazioni della “tratta” in piazza del Campo svoltesi questa mattina, uno degli otto cavalli che ha preso parte alla prima delle quattro batterie si è infortunato seriamente, inciampando negli arti posteriori dell’animale che lo precedeva. Il cavallo Periclea, una femmina di 7 anni, è stato soccorso e trasportato d’urgenza alla clinica veterinaria “Il Ceppo”, ma per lei non c’è stato nulla da fare.

ABBATTUTA PERICLEA - Le analisi hanno evidenziato l’eccessiva gravità delle sue condizioni ed i veterinari, assieme ai proprietari, hanno deciso che la cavalla Periclea doveva essere abbattuta per evitarle ulteriori sofferenze. Gli infortuni alle zampe sono tanto frequenti quanto spesso letali per i cavalli del Palio di Siena, animali dalla struttura motoria imponente quanto delicata. E il Palio di Siena, corsa di grande tradizione ma anche grande spettacolarità e rischio, è un evento che indubbiamente mette a maggiore le vite dei cavalli che vi prendono parte. Seppur non in maniera così elevata come si potrebbe credere.

palio-di-siena-morte-cavallo-periclea

Un momento del Palio di Siena (Roberto Vicario tramite Wikimedia Commons)

CAVALLI MORTI AL PALIO DI SIENA? COME NELLE GARE REGOLARI - Il gran numero di cavalli incollati l’uno all’altro nei 3 giri (poco più di 1000 metri complessivi) di piazza del Campo e la insidiosa e scivolosa pavimentazione in lastricato di pietra serena (che durante il Palio di Siena viene ricoperta da una miscela di tufo, argilla e sabbia spessa circa 15 centimetri) sono fattori che mettono a serio rischio le condizioni dei cavalli. Da diversi anni le associazioni animaliste tengono i fari accesi sulla tradizionale corsa senese, con proteste soprattutto sugli incidenti di gara. In media tra batterie, corse di prova e le due edizioni annuali del Palio – quello della Madonna di Provenzano del 2 luglio e quello dell’Assunta del 16 agostomuore un cavallo ogni anno, pari a circa il 2,5% dei cavalli impiegati nelle varie prove.

Nel corso degli ultimi anni sono state introdotte nuove protezioni sulla pista ed una normativa di tutela per i cavalli, con controlli antidoping sia per gli animali che per i fantini. La riduzione di incidenti c’è stata: si è passati dal 2,20% del decennio 1970-79 allo 0,53% del decennio 2000-09. La statistica comunque non mostra significative variazioni tra la percentuale di incidenti delle corse regolari negli ippodromi e le corse storiche. La speranza è che il bilancio di quest’anno delle vittime a quattro zampe del palio di Siena non debba ulteriormente aggiornarsi.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews