Ostaggi uccisi in Nigeria: ira di Napolitano

Giorgio Napolitano (cultura.notizie.it)

Roma – Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, interviene sulla vicenda dell’uccisione dei due ostaggi in Nigeria, avvenuta in seguito al blitz congiunto tra forze speciali nigeriane e britanniche. Una missione non preventivamente concordata con l’Italia, che si è evoluta con l’epilogo più spiacevole. «E’ inspiegabile che il governo di Londra abbia dato il via libera al blitz in Nigeria – ha detto Napolitano – senza prima avvertire Roma. E per questo è necessario un chiarimento sul piano politico e diplomatico».

Nella tarda serata di ieri è infatti, giunta in Italia, la notizia dell’uccisione dell’italiano Franco Lamolinara e del suo collega britannico Chris McManus. I due, sequestrati nel maggio dello scorso anno nel nord-ovest della Nigeria, erano impiegati entrambi in una società di costruzioni operante sul posto.

I sequestratori  dei due ingegneri, appartenevano a una fazione della setta militante islamica Boko Haram, che vanta dei legami con Al Qaeda. A quanto si apprende, le forze di sicurezza hanno cercato di fare irruzione ove erano tenuti gli ostaggi. Da qui è partito poi una sparatoria, conclusasi con l’uccisione dei due ingegneri, da parte dei loro stessi rapitori.

Intanto il governo inglese, tramite un proprio portavoce, ha affermato che l’Italia era stata messa al corrente della situazione. «Gli italiani – ha affermato il portavoce dell’esecutivo – sono stati contattati nel momento in cui stava iniziando l’operazione, ma la situazione è poi evoluta con grande rapidità». Palazzo Chigi ha invece replicato, smentendo il Governo inglese e confermando di aver avuto notizia dell’intenzione delle forze di sicurezza nigeriane e britanniche, solo quando l’operazione era già avviata. «Occorrerà chiarire con rigore  - ha affermato invece Massimo D’Alema, presidente del Copasir – le circostanze che hanno portato le autorità britanniche a decidere l’operazione militare senza preventivamente informare le autorità italiane, ancorché fosse coinvolto un nostro connazionale».

                                                                                                                                                                                                                            Angela Piras

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews