Oscar 2012: film straniero, ecco titoli e paesi verso la nomination

 

"Terraferma", il candidato italiano

I selezionatori dell’Academy avranno di che rifarsi gli occhi nello scegliere i cinque titoli pronti a contendersi l’Oscar per il miglior film straniero: quest’anno la qualità media dei film proposti è alta, senza contare gli outsider ancora avvolti nell’ignoto. Il termine per le candidature scadeva a inizio ottobre, le nazioni interessate hanno inviato i film prescelti negli Usa per sottoporli a giudizio. Molte pellicole arrivano come di consueto già forti di una nomea frutto di premi raccolti a Festival e manifestazioni varie, ma in previsione della cinquina definitiva non si escludono né possibili sorprese di cui sopra né eventuali cantonate da parte dei selezionatori. Del resto, entrambe si verificano con una certa frequenza. La cerimonia degli Oscar è in programma il 26 febbraio 2012.

L’Oriente punta su Zhang Yimou (Cina) e Ann Hui (Hong Kong). Il primo ha ultimato in tempo per la possibile nomintaion The Flowers of War, interpretato da Christian Bale; la regista arriva invece dritta dal Festival di Venezia, dove concorreva nella sezione ufficiale con A Simple Life. Protagonisti Andy Lau e Deannie Yip, fresca vincitrice della Coppa Volpi. Anche il titolo scelto dal Taiwan figurava tra gli ultimi concorrenti lagunari: trattasi di Seediq Bale, kolossal storico coprodotto da John Woo.

Per il Continente Nero sono tre i paesi in lizza: Egitto, Sudafrica e Marocco. Quest’ultimo concorrerà con Omar Killed Me, opera seconda del popolare interprete franco-marocchino Roschdy Zem. Dall’America Latina provengono invece il colombiano Les colores de la montaña – visto in Italia allo scorso Festival di Roma – e il brasiliano Tropa de Elite 2, sequel del trionfatore della Berlinale 2008.

A proposito di Berlino, tra gli contendenti all’Oscar non poteva mancare l’ultimo Orso d’Oro: A Separation di Asghar Farhadi (About Elly), candidato dell’Iran. Da tenere d’occhio anche il georgiano Chantrapas del ritrovato Otar Iosseliani, il libanese Where Do We Go Now? vincitore del Premio del Pubblico a Toronto, ma soprattutto il turco Once Upon a Time in Anatolia di Nuri Bilge Ceylan, Gran Prix della Giuria a Cannes ex aequo con i fratelli Dardenne. Per la Russia, com’è noto da un paio di settimane, concorrerà il contestatissimo Cittadella di Nikita Mikhalkov.

 

Susanne Bier, vincitrice lo scorso anno per "In un mondo migliore"

Ma è il plotone di film europei a primeggiare nella lotta intercontinentale, per quantità e qualità. Finlandia: Le Havre, Aki Kaurismaki. Germania: Pina, Wim Wenders. Ungheria: The Turin Horse, Béla Tarr. A questo terzetto di colossi si aggiungono le sorprese di Spagna e Francia (Pa Negre e La guerre est déclarée, preferiti ai film di Dardenne, Almodóvar e Polanski) nonché due opere prettamente femminili transitate alla Mostra di Venezia 2010: l’ottimo Beyond di Pernilla August – uscito in sala la scorsa primavera – e Attenberg di Athina Rachel Tsangari, vincitore della Coppa Volpi. Svedese la prima, greca la seconda.

Dal festival lagunare appena trascorso provengono invece Alois Nebel, film d’animazione scelto a rappresentanza della Repubblica Ceca, e Giochi d’estate di Rolando Colla. Quest’ultimo, pur essendo scritto, diretto e interpretato prevalentemente da italiani (nonché parlato nella nostra lingua) concorrerà per la Svizzera, paese di produzione.

72 Days di Danilo Šerbedžija – figlio del più noto Rade, interprete internazionale dalle frequenti comparsate hollywoodiane – è il candidato della Croazia. L’Austria ha invece scelto Breathing, esordio alla regia dell’attore Karl Markovics, protagonista di Il falsario e volto noto della serie tv Il commissario Rex. La lista dei papabili si chiude con il concorrente albanese La faida (The Forgiveness of Blood) di Joshua Martson, a breve distribuito in Italia dalla Fandango. Nel suo palmarès spicca l’Orso d’argento per la sceneggiatura vinto all’ultimo Festival di Berlino.

L’elenco completo dei film candidati su:

www.indiewire.com/article/updated_list_of_foreign_language_academy_award_submissions/

Mathias Falcone

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews