Omicidio Melania Rea: Salvatore Parolisi condannato all’ergastolo

salvatore parolisi condannato all'ergastolo

Salvatore Parolisi ha perso anche la patria potestà sulla figlia Vittoria

Teramo – Pena massima per il caporalmaggiore dell’Esercito Salvatore Parolisi, ritenuto responsabile dell’omicidio della moglie Melania Rea. Dopo circa quattro ore di camera di consiglio il giudice Maria Tommolini ha deciso di condannare Parolisi alla pena dell’ergastolo.

Melania Rea è stata ritrovata senza vita il 18 aprile dello scorso anno in un boschetto a Ripe di Civitella, in provincia di Teramo. Una vita spezzata con trentacinque coltellate. Fin da subito, l’attenzione degli inquirenti si era concentrata sull’emblematica figura del marito. Parolisi si trova in carcere dall’agosto 2011, ossia da quando per la seconda volta è stata disposta nei suoi confronti la misura della custodia cautelare. Da sempre l’uomo ha respinto le accuse, e ha deciso di farsi giudicare con la formula del rito abbreviato. I suoi avvocati ne avevano richiesto l’assoluzione con formula piena.

Con la sentenza odierna a Parolisi è stata tolta anche la patria potestà della bambina avuta da Melania Rea, la piccola da tempo è affidata ai nonni materni. A ciò si aggiunge anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, un maxi risarcimento di un milione di euro in favore della figlia Vittoria, e 500mila euro per i genitori della donna. Somme confermate dal legale della famiglia Rea.

Soddisfazione, ma anche tanta amarezza da parte dei parenti della donna. «È la fine di un incubo – ha affermato Michele Rea, il fratello di Melania – perché è stato trovato e riconosciuto l’assassino di Melania a lettura della sentenza». «È l’inizio di una vita diversa – ha aggiunto – con un angolo di tristezza nel cuore, perché Salvatore ha ucciso la moglie, la mamma della sua bambina, e noi come famiglia ne usciamo comunque sconfitti. Non è stata la vittoria di nessuno». In aula oggi c’erano diversi familiari di Melania Rea, tra cui il padre e alcuni zii. Al momento della lettura della sentenza era invece assente Salvatore Parolisi: i legali hanno dichiarato l’intenzione di impugnare la sentenza.

Angela Piras

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews