Nuove modalità di accesso per i concorsi pubblici: è rivoluzione

Approvata dalla Commissione Affari Istituzionali la porzione di delega della Madia sulle modalità di accesso ai concorsi pubblici. Ecco che cosa cambierà

concorso pubblico (www.asgi.it)

concorso pubblico (www.asgi.it)

ROMA – È stata approvata dalla Commissione Affari Istituzionali la porzione di delega del ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, Marianna Madia, che cambia le modalità di accesso alla pubblica amministrazione e che si trova all’interno della riforma della PA (Pubblica Amministrazione).

COSA CAMBIERA’ NEI CONCORSI PUBBLICI – A cambiare, prima di tutto, sarà la gestione di tutte le selezioni che, in base a quanto richiesto dalla Madia nella delega, verrà accentrata.

In secondo luogo sarà fissato un tetto al numero degli idonei.

Terzo: verranno ridotti i termini per la validità delle graduatorie.

Infine, verranno riviste tutte le regole che stanno alla base dello svolgimento dei concorsi pubblici.

L’OBIETTIVO DEL MINISTRO MARIANNA MADIA – Secondo Marianna Madia, questi cambiamenti all’interno dei concorsi per la pubblica amministrazione «eviteranno la formazione di graduatorie eccessivamente ampie di idonei, ad esempio prevedendo che il numero degli idonei non possa superare una determinata quota percentuale dei posti messi a concorso». Inoltre, durante i concorsi pubblici saranno previsti «meccanismi di valutazione finalizzati a valorizzare l’esperienza professionale acquisita da coloro che hanno avuto rapporti di lavoro flessibile con le amministrazioni pubbliche, con esclusione, in ogni caso, dei servizi prestati presso uffici di diretta collaborazione degli organi politici e ferma restando, comunque, la garanzia di un adeguato accesso dall’esterno».

Ancora, riguardo ai cambiamenti che avverranno nelle modalità di accesso ai concorsi pubblici per la pubblica amministrazione, è passato un emendamento che prevede «la predisposizione di strumenti volti a garantire l’effettiva segretezza dei temi d’esame fino allo svolgimento delle relative prove, di misure di pubblicità sui temi di concorso e di forme di preselezione dei componenti delle commissioni». Per l’approvazione ufficiale e definitiva della riforma comunque, bisognerà aspettare il 2 aprile.

Marianna Madia, ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione (www.europaquotidiano.it)

Marianna Madia, ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione (www.europaquotidiano.it)

L’INTERA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (PA) IN SINTESI – Fino ad ora abbiamo parlato delle modifiche che verranno apportate nelle modalità di accesso ai concorsi pubblici, ma ecco in sintesi tutto il disegno di legge che il ministro Madia ha consegnato alla Commissione Affari Costituzionali:

  • Delega per rendere effettivi i poteri del premier sulla nomina di dirigenti pubblici
  • Alleggerimento dei carichi burocratici nelle attività per prevenire la corruzione tra cui lo sconto sulle intercettazioni
  • Lo spostamento di competenze e risorse all’Inps per le visite fiscali
  • La semplificazione dei procedimenti che portano al licenziamento
  • Taglio alle camere di commercio
  • L’abolizione o la revisione della figura dei segretari comunali
  • Riduzione delle partecipate attraverso un puntuale controllo di bilanci e indicatori di risultato
  • Provvedimento salva-sindaci
  • Semplificazione del meccanismo di valutazione dei dipendenti pubblici con restringimento dei tempi relativi all’esercizio dell’azione disciplinare
  • La riforma dell’articolo 18 per i dipendenti pubblici – che non verrà toccata –
  • Ricollocazione dei lavoratori pubblici esuberati dalle Province
  • Concorsi pubblici: nuove modalità di accesso

Mariangela Campo

@MariCampo81

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Nuove modalità di accesso per i concorsi pubblici: è rivoluzione

  1. avatar
    Stefano 31/03/2015 a 08:57

    Ridicolo accentrare i concorsi, e vergognoso e ingiusto è ridurre il numero degli idonei e il periodo di validità delle graduatorie. Non mi sembra né giusto né economico fare continuamente selezioni

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews