Natale senza regali, sarà così per oltre sei milioni di italiani

Per oltre sei milioni di italiani sarà un Natale senza regali; consumi sempre in crisi, ma sale la spesa online e nel ponte si torna a viaggiare

regalo-natale-2013

Natale senza regali, scelta obbligata per sei milioni di persone

Sarà un Natale senza regali per oltre sei milioni di italiani; così racconta lo shopping natalizio – che non ci sarà – Confesercenti, quando si avvicina l’Immacolata, data strategica per l’inizio dell’ondata di acquisti in vista delle festività. Il weekend lungo che si concluderà domani, invece, dovrebbe far segnare buoni numeri turistici, dando fiato al settore.

CONSUMI FERMI – Natale porta i regali, ma non sarà così per tutti, anzi: incrementare le proprie spese significherà andare contro corrente, visto che sarà una scelta riservata al 2% degli italiani. Sarà allora un Natale senza regali per sei milioni di persone, il 13% della popolazione; è la conseguenza della contrazione dei consumi, dovuta a redditi non all’altezza delle spese da affrontare per arrivare a fine mese. Cambia anche la tipologia di doni: il 71% di chi porterà regali, punterà su qualcosa di utile, una quota che si riduce al 43% quando si parla dei bambini.

TREDICESIMA E FINE MESE – Se i soldi per i regali non ci sono, la causa è soprattutto la difficoltà ad arrivare a fine mese; solo il 51% degli italiani non ha problemi in questo, con un 13% in difficoltà addirittura dopo la seconda settimana. Il maggio risparmio è quello sui carburanti, scelto dal 15% della popolazione, mentre l’11% riduce il cibo. In questo Natale senza regali, a fare la differenza è ancora una volta la tredicesima, che aiuterà le spese di chi la riceverà, con un incremento della spesa che in media si aggira sul 2,6%.

Carrello sempre più leggero per molti italiani

Carrello sempre più leggero per molti italiani

CRISI COMMERCIANTI – A soffrire per un Natale senza regali sono soprattutto i negozianti; per molti settori il periodo natalizio rappresenta quasi un quarto del fatturato annuale, naturale che la riduzione della spesa anche in vista del Natale sia per loro una minaccia grave, che avrà ripercussioni anche a medio termine. Il problema sarà aggravato anche dal crescere del mercato online, che continua a erode sempre più lo spazio di quello tradizionale.

ONLINE – Se il 40% si recherà in un centro commerciale per gli acquisti, un italiano su quattro sceglierà invece la spesa digitale, rivolgendosi ai siti specializzati. È questo un mercato in forte crescita, che ha subito un incremento notevole solo negli ultimi sette anni, se si tiene conto che nel 2007 la quota era solo del 7%; in quello che per molti sarà un Natale senza regali, questa crescita è dovuta soprattutto ai costi contenuti e alle modalità di consegna, frutto del costante sviluppo dei negozi online.

IMMACOLATA – La festa dell’8 dicembre, dedicata alla Madonna, segna l’inizio delle festività invernali; 5,4 milioni di italiani quest’anno saranno in viaggio, un giro d’affari che potrebbe smuovere oltre un miliardo di euro ed essere una vera boccata d’ossigeno per tutto il settore, sempre a rischio annegamento.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews