Napoli. Blitz anticamorra della Gdf. 16 giudici tributari tra gli arrestati

Guardia di Finanza (giornaledipachino.com)

NAPOLI – Da questa all’alba gli uomini del Comando provinciale di Napoli della Guardia di Finanza sono impegnati in un maxiblitz anticamorra. Le Fiamme Gialle stanno dalla prime ore del mattino eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, richiesta e ottenuta dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea nei confronti di 60 persone, tra cui 16 ricoprono un ruolo di giudici tributari.

Quasi tutti sono stati bloccati in Campania, alcuni si trovavano invece in Lombardia, ma per tutti i reati contestati variano tra il concorso esterno in associazione camorristica fino al riciclaggio e alla corruzione in atti giudiziari al falso.

Nell’inchiesta sono coinvolti alcuni esponenti di un clan camorristico importante soprattutto nella zona vesuviana e nolana, i Fabbrocino, ma nell’intera provincia di Napoli il blitz sta investendo funzionari e impiegati delle commissioni tributarie, sia quella provinciale di Napoli sia quella regionale per la Campania. Ma non è finita, la richiesta di custodia cautelare è stata emessa anche nei confronti di un funzionario dell’Ufficio del Garante del Contribuente della Campania, di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate, di un professore universitario e di un dottore commercialista. L’indagine è infatti partita da una serie di approfondimenti su affari illeciti  del clan Fabbrocino, ma si è allargata coinvolgendo anche elementi esterni alla ‘famiglia’, imprenditori operanti in diversi settori – da quello immobiliare alla gestione alberghiera – arrivando poi a ruoli più sensibili come quelli di giudici tributari e funzionari pubblici risultati corrotti.

Gli uomini della GdF hanno sequestrato quote societariee societarie, titoli azionari e conti correnti, oltre a beni mobili e immobili (fabbricati, terreni e automobili) per un valore di circa 1 miliardo di euro. La detenzione in carcere è già stata diposta per alcuni degli indagati, mentre per altri varrà la misura degli arresti domiciliari o – in misura minore – il divieto di dimora a Napoli.

Laura Dabbene

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews