MotoGP, Austin: anteprima e orari della gara in Texas

Marc Marquez Austin MotoGP

Marc Marquez (@marcmarquez93 via Twitter)

Austin, Texas – Dopo il convincente debutto del Qatar, MotoGP e cilindrate minori si apprestano a vivere la loro seconda trasferta extraeuropea tra le inedite curve del Circuit of the Americas, impianto di nuova generazione che, proprio quest’anno, ospita la sua prima di gara del motomondiale. Una pista nuova per tutti, o quasi: se Moto2 e Moto3 si presentano infatti ai nastri di partenza in condizioni di sostanziale parità, con i piloti costretti a cercare di carpire in breve tempo i segreti del tracciato, alcuni team della classe regina arrivano in Texas forti dei test svolti lo scorso marzo. Tra i fortunati che hanno potuto saggiare in anticipo l’asfalto a stelle strisce gli ufficiali Honda e Yamaha, cui si era aggiunto anche Stefan Bradl. Con simili presupposti, inutile dire che Rossi, Lorenzo, Marquez e Pedrosa si confermano ancora una volta i favoriti alla lotta per il podio, con il tedesco in forze alla squadra di Cecchinello pronto a ereditare da Crutchlow l’eventuale ruolo di “disturbatore” di quelli che, a Losail, si sono confermati i magnifici 4 della MotoGP 2013.

Così nei test – I risultati dello scorso precampionato sembrano indicare che i valori in pista a Austin potrebbero essere in parte diversi da quelli visti sotto i riflettori del Qatar, dove si è consumata la solitaria marcia trionfale di Jorge Lorenzo verso il traguardo: le Honda si presentano in Texas da favorite, per quanto le Yamaha del campione del mondo e del ritrovato Valentino Rossi restino delle clienti scomode con cui fare i conti. E proprio il Dottore aveva sofferto particolarmente il primo approccio con il circuito texano patendo nel corso delle due giornate di test distacchi anche piuttosto importanti da Marquez, apparso invece subito a suo agio tra le curve Usa che gli hanno permesso di provare per la prima volta l’ebbrezza di vestire i panni di leader della MotoGP. Nel frattempo, ne è comunque passata di acqua sotto i ponti: Rossi e la sua squadra sembrano aver trovato per la M1 un nuovo assetto di base decisamente più adatto alle esigenze del pilota, mentre Marquez si è confermato avversario tosto anche in gara e molti sono gli appassionati pronti a scommettere che proprio al Cota potrebbe andare di scena la sua prima vittoria nella classe regina.

Osservato speciale a Austin anche Dani Pedrosa che, in Texas, non si era affatto mal comportato malgrado un fastidio al collo. Dopo la prestazione opaca e poco convincente (al di là del quarto posto finale) di due domeniche fa, lo spagnolo Hrc sembra già obbligato a un riscatto che dovrà necessariamente passare per una prova di forza nei confronti del giovane team-mate, che in Qatar lo ha preceduto. Un fine settimana no su una pista mai troppo apprezzata può capitare ma, per il numero 26, diventa ora importante dimostrare che quello del Qatar è stato davvero solo un week-end storto.

Rossi Marquez MotoGP

Duello tra Rossi e Marquez in Qatar (yamahamotogp.com)

Statistiche e curiosità – Anche negli Stati Uniti sarà Marc Marquez a vestire i panni del recordman: il talento Honda si presenta in Texas avendo già in tasca il titolo di pilota più giovane a podio nell’era MotoGP 4 tempi ma, complice l’anagrafe favorevole, ha ancora la chance di diventare il più giovane vincitore della classe regina.

Moto2 e Moto3 – Piuttosto prevedibilmente le cilindrate minori del motomondiale hanno parlato spagnolo in Qatar: gran bagarre nella entry-class dove nel finale sono stati comunque i più esperti Salom e Viñales ad avere la meglio su Rins e Alex Marquez; lotta a due nella middle-class dove il trionfatore annunciato Espargaro ha trovato un rivale forse più temibile di quanto non si aspettasse in Redding. La caccia ai piloti iberici si riapre a Austin. Sul fronte Moto2 da segnalare anche il possibile rientro anticipato di Tom Luthi: lo svizzero reduce da un brutto infortunio volerà negli Stati Uniti in attesa di capire se gli sarà davvero possibile prendere parte alla gara di domenica.

Orari e appuntamenti tv – Nuova abbuffata di motori sulle reti Mediaset Italia1 e Italia2, pronte ad alternarsi nella messa in onda di prove, qualifiche e gare così da consentire agli appassionati di non perdere neppure un momento della trasferta statunitense. Complice il fuso orario, il motomondiale si presenta anche questo fine settimana in una non troppo consueta versione serale.

Venerdì 19 aprile 2013
• ore 15.55 – Moto3 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 16.55 – MotoGP – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 17.55 – Moto2 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 20.05 – Moto3 – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 21.05 – MotoGP – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 22.05 – Moto2 – Prove libere 2 (diretta Italia2)

Sabato 20 aprile 2013
• ore 15.55 – Moto3 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 16.55 – MotoGP – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 17.55 – Moto2 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 19.30 – Moto3 – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 20.30 – MotoGP —Prove libere 4 (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 21.10 – MotoGP – Qualifiche 1 (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 21.35 – MotoGP – Qualifiche 2 (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 22.05 – Moto2 – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)

Domenica 21 aprile 2013
• ore 15.35 – Moto3 — Warm Up (diretta Italia2)
• ore 16.10 – Moto2 – Warm Up (diretta Italia2)
• ore 16.40 – MotoGP — Warm Up (diretta Italia2)
• ore 17.45 – Moto3 – Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 19.20 – Moto2 – Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 21.00 – MotoGP – Gara (diretta Italia1 e Italia2)

Mara Guarino

Foto homepage via: yamahamotogp.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews