Mondiali ciclismo 2013: partita la corsa, Sagan e Cancellara favoriti

Mondiali di ciclismo, al via la corsa professionisti (regina-hotel.it)

Mondiali di ciclismo, al via la corsa professionisti (regina-hotel.it)

Lucca – Giornata di grande ciclismo: oggi si assegna il titolo di campione del mondo su strada, la gara ha appena preso il via da Lucca, puntando a Firenze, dove il circuito finale assegnerà la maglia iridata per il 2014.
208 i corridori al via, che in questi minuti si sono radunati sotto la pioggia e hanno iniziato a pedalare verso uno dei traguardi più importanti del ciclismo professionistico.

I favoriti – Due sono i nomi che rimbalzano nei pronostici: Fabian Cancellara, lo svizzero che ha preparato la corsa fin da inizio stagione e che, con la sua esperienza nelle classiche, sembra il naturale vincitore di questa gara, e Peter Sagan, il giovane campione slovacco, maglia verde negli ultimi due Tour de France, che potrebbe lasciare il segno anche in caso di un arrivo a ranghi ridotti.
Un po’ trascurati alcuni nomi, in rimonta nelle ultime ore: Philippe Gilbert, campione uscente, sembra adatto al percorso e al clima, tanto da risalire nei pronostici. La Spagna ha tre punte principali, Valverde, Samuel Sanchez e Rodriguez, con la possibilità di inserire Contador come outsider: una delle nazionali più solide, quindi, che potrebbe adattarsi alle mutevoli situazioni grazie all’immensa classe dei suoi corridori.
Froome ha promesso di provarci, ma è difficile che il vincitore del Tour abbia occasione di fare la differenza su queste salite, mentre il maltempo potrebbe rimettere in corsa il belga Van Avermaet e l’olandese Gesink.
Da non trascurare, però, la coppia irlandese: Roche e, soprattutto, Martin potrebbero essere clienti scomodi su questo percorso e, soprattutto, con questo clima.

Gli azzurri – Hanno preso il via con la maglia azzurra i nove titolari, Vincenzo Nibali, Rinaldo Nocentini, Luca Paolini, Filippo Pozzato, Ivan Santaromita, Michele Scarponi, Diego Ulissi, Alessandro Vanotti e Giovanni Visconti, mentre le riserve sono Simone Ponzi e Giampaolo Caruso, al lavoro ai box per sostenere i compagni.
Nibali è indubbiamente il capitano della formazione, ma con questo clima le carte si mescolano un po’; ora non solo le salite possono essere determinanti ma anche la discesa di Fiesole, già tecnica e complessa sull’asciutto. Ma gli azzurri, con il dovuto paragone, hanno una struttura simile alla nazionale spagnola: molte punte, da adattarsi alle diverse situazioni, con Visconti che potrebbe riservare sorprese non da poco, assieme a Ulissi e Pozzato.

Percorso – La partenza da Lucca avvierà il tratto in linea, di poco più di 100 chilometri, che condurrà a Firenze, dove i corridori si inseriranno sul circuito finale. Lì a decidere il campione del mondo di ciclismo saranno le due salite: Fiesole e via Salviati.
La prima s’è rivelata meno decisiva di quanto sembrasse sulla carta, ma tutte le prove si sono decise sull’ultimo passaggio in via Salviati, con il muro che è risultato decisivo. Un circuito meno selettivo del previsto, comunque caratterizzato da distacchi superiori a quelli delle corse recenti: il clima, come sempre nel ciclismo, potrebbe essere determinante almeno quanto le asperità del percorso.
Ma ora spazio al Grande Ciclismo: appuntamento al finale, per conoscere il nuovo campione del mondo.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews