Cina: Mille gatti salvati dalle grinfie dei ristoratori

gatti

Gatti imprigionati in un mercato cinese (i.telegraph.co)

 Cina - Mille gatti, destinati a divenire piatti saporiti da servire al ristorante, sono stati ritrovati dalla polizia cinese lo scorso martedì 29 ottobre, nella provincia orientale dello Jiangsu. I felini erano imprigionati all’interno di un camion diretto a Guangzhou, la più vasta città costiera della Cina meridionale che si affaccia sul Fiume delle Perle, per essere venduti a ristoratori della provincia di Guangdong che avrebbero sapientemente cucinato le loro carni per farne delle succulente pietanze.

Il repentino arresto dell’autista del camion è stato giustificato dalla semplice mancanza delle autorizzazioni necessarie al trasporto dei felini e non per la crudeltà insita al traffico e allo sfruttamento dei poveri animali come merce alimentare.

Dato l’ingombrante numero di gatti rinchiusi nel mezzo, la confusione creatasi li ha resi indomabili dalle autorità che li avevano precedentemente sequestrati.

I felini sono stati quindi rilasciati e resi liberi di circolare fra le colline circostanti il territorio di Wuxi, antica cittadina sorta lungo il Fiume Azzurro. Venuti alla luce dello spiacevole evento, un gruppo di animalisti ha tentato di recuperare i gatti dispersi nella zona, riuscendo però a sottrarre alla morte un gruppo esiguo di esemplari, fatalmente scampati al freddo, alla fame e alle automobili. Gli animalisti, ormai abituati a muoversi in tali frequenti situazioni, stanno tentando le vie dell’adozione per i cinquanta  fortunati sopravvissuti e non demordono nella lotta alla malvagità espressa dagli usi e costumi locali. Specialmente nella costa meridionale cinese, la carne di gatto e quella di cane sono tutt’oggi considerate una prelibatezza culinaria, nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione indotte dagli animalisti, rese inutili anche a causa del fatto che la legge non contrasta tali efferatezze a meno che non si imbatta in uno scambio di merci illecito.

Il recente atto conferma l’inarrestabilità di alcune pratiche sociali che perdurano negli anni nonostante intorno soffi aria di cambiamento. Riusciranno gli animalisti a strappare i cuccioli più amati dall’uomo dalle grinfie dei cuochi cinesi?

Foto preview via animalpeoplenews.com

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews