Meteo: week end di maltempo tra freddo autunnale e instabilità. Allerta al nord

Meteo: fine maggio ancora sotto la neve in alcune zone del bergamasco oltre i 1500 metri

Non lasciano ben sperare per questo ultimo fine settimana di maggio le previsioni meteo che annunciano l’ennesimo colpo di coda autunnale di questa primavera che stenta a decollare. Temperature più basse della media, piogge insistenti e addirittura neve sui rilievi montani, forte instabilità: questi i tratti distintivi di Ginevra, la perturbazione che affligge soprattutto il nord est della Penisola e ha fatto scattare in Friuli Venezia Giulia un nuovo stato di allerta.

Ma vento freddo e precipitazioni, se non nevicate, si estendono anche verso le aree occidentali coinvolgendo la Lombardia – circa 20 cm di neve nel Bergamasco oltre quota 1500 metri e tappa del Giro d’Italia annullata oggi nel bresciano – e la Liguria:  forti raffiche in Valle Scrivia e nel capoluogo, dove alberi e rami caduti hanno richiesto questa notte l’intervento dei vigili del fuoco. Territorio fragile e in pericolo, in queste giornate di intensa pioggia, anche quello della fascia appenninica dell’Emilia Romagna che arriva a lambire tutta la zona collinare tra Parma e Piacenza.

Il maltempo non risparmia l’Italia anche scendendo verso il centro. Lo stato di allarme è scattato in Toscana, in particolare nelle zone litoranee dalla Versilia alle isole dell’Arcipelago e all’Elba:  le province maggiormente interessate dai disagi dovuti al meteo instabile saranno Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto.

Davanti a questo bollettino Coldiretti ha richiesto lo stato di calamità per l’agricoltura, in particolare al nord dove la temperatura, di ben 3,2 gradi centigradi inferiore alla media della stagione, ha stravolto i normali cicli delle coltivazioni e causato danni incalcolabili. Secondo Coldiretti il clima freddo e le precipitazioni eccessive e intese hanno già rovinato il 30% dei raccolti nelle regioni settentrionali, colpendo indistintamente tutti i prodotti alla base dell’economia agricola di queste aree (riso, patate, mais, grano, alberi da frutta).

Domani, sabato 25 maggio, il maltempo persisterà su tutto il Nord, ma con un lieve miglioramento in serata sulle regioni occidentali (pur strette in una morsa di freddo con temperature intorno ai 10° e gelate sulle Alpi). Al nord est piogge più prolungate, con acqua alta attesa a Venezia, e perturbazione in spostamento verso Toscana, Umbria e Marche. Qualche rovescio anche al Sud, in particolare sui versanti affacciati sul Mar Tirreno e nell’entroterra, lungo la fascia dell’Appennino. Domenica 26 maggio torna un po’ di sole a  nord ovest, mentre altrove resta una situazione instabile segnata da acquazzoni, temporali e neve verso i 1300-1500 metri.

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews