Melanzane: ecco le caratteristiche e le proprietà

Le melanzane sono apprezzate da molti, spesso senza sapere quanto possono far bene al nostro organismo. Si tratta di un ortaggio originario della Cina e arrivata in Europa grazie agli Arabi. Solanum melongena è il suo nome scientifico e questo ci ricorda il fatto che appartenga alla famiglia delle solanacee, insieme al pomodoro, al tabacco e al peperoncino. Le melanzane possono essere consumate in ogni momento dell’anno, grazie alle molteplici variabili in cui è possibile cucinarle.

È sempre meglio non mangiarle crude; si tratta di una credenza molto antica, in passato infatti erano considerate immangiabili. La melanzana infatti contiene una sostanza, la solanina, che rende sconsigliato consumarla a crudo. Il pregio di questo ortaggio, risulta essere il basso apporto calorico che contiene: solo 16 calorie per 100 grammi di prodotto. Bisogna però tenere in considerazione, nel momento in cui lo si cucina, poiché la sua polpa tende ad assorbire molto i condimenti, l’olio in particolare il che può essere pericoloso se si sta seguendo una dieta ipocalorica o a basso contenuto di grassi.

Una delle caratteristiche principali della melanzana è che è ricca di acqua, ne è composta infatti per circa il 93 percento, ecco perché è considerata molto utile per stimolare l’attività dei reni. All’interno di questo ortaggio è possibile trovare anche grandi quantità di potassio, di vitamine A e C, di fosforo, di calcio e di tannino. Oltre a contenere una bassa quantità di calorie, contiene anche una quantità quasi irrisoria di grassi (0,1 percento) e contiene anche pochi zuccheri (2,6 percento).

Contenendo grandi quantità di acqua, alle melanzane si può attribuire una proprietà altamente depurativa, ma anche lassativa: contengono infatti molte fibre, la pectina in primis, che facilitano il regolare funzionamento dell’intestino. Aiuta inoltre a regolarizzare e stimolare l’attività del fegato, contribuendo ad aumentare la produzione e l’eliminazione della bile.

Nella buccia di questo ortaggio sono inoltre presenti sostanze che portano benefici a pancreas e intestino, contribuendo inoltre ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue.

Ma come si possono scegliere le melanzane, per esempio al supermercato? È importante fare attenzione che il picciolo sia ancora ben attaccato e che sia verde e non secco. La superficie dell’ortaggio deve essere liscia e ben tesa, ovviamente non devono riportare ammaccature.

Se ne possono trovare varietà rotonde e varietà ovali: le prime sono ideali se affettate e cucinate alla piastra, mentre le ultime sono perfette se cucinate ripiene.

Conservate in frigorifero le melanzane possono mantenersi anche per quattro giorni, ma volendo possono essere anche tagliate e surgelate, per poterle conservare per un periodo di tempo più lungo.

Non resta che armarsi di fantasia e scegliere di cucinarle nella maniera che più si addice ai nostri palati.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews