Mara Carfagna lascia governo e Pdl

Mara Carfagna, ministro per le Pari opportunità

ROMA Mara Carfagna lascerà il governo. Secondo l’agenzia Ansa, il ministro delle Pari opportunità, abbandonerà, oltre alla sua poltrona ministeriale, anche il Popolo delle libertà. Le motivazioni di questo atto sarebbero dovute ad alcuni screzi all’interno del Pdl campano.

Tutto sarebbe nato dalla vicenda dei termovalorizzatori della Regione Campania. Il ministro Carfagna avrebbe voluto che i presidenti di provincia fossero esautorati dalla gestione di questi impianti, proponendo la nomina di un commissario da parte del governo. Per questa presa di posizione, Edmondo Cirielli e Luigi Cesaro, presidenti rispettivamente di Salerno e Napoli, avrebbero iniziato gli attacchi personali.

Intanto c’è chi prevede che il ministro entrerà nel partito di Gianfranco Fini. Un’ipotesi che consente già ai piddiellini di poterla chiamare “traditrice”. Ad appesantire il clima ci ha pensato Alessandra Mussolini che, durante una seduta alla Camera, ha fotografato la Carfagna e il capogruppo Fli Italo Bocchino intenti a parlare, urlandogli: «Vergogna!».

Ignazio La Russa ha difeso Mara Carfagna dalle accuse di tradimento

Nel Pdl, però, c’è chi cerca di rasserenare il clima. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha dichiarato: «Nessuno può avanzare il minimo sospetto che il ministro abbia mai avuto qualsivoglia cobelligeranza con esponenti di Fli». Anche Stefania Prestigiacomo si è adoperata per difendere la collega: «Basta fuoco amico. Si sta alimentando un gioco assurdo ed irresponsabile per accreditare dissidi e distinguo inesistenti»  smentendo poi l’ipotesi di dimissioni: «Non è vero che Mara Carfagna intende lasciare il governo».

Fino al 14 dicembre, comunque, il ministero non rischierà di essere vacante. Soltanto dopo le votazioni di fiducia al Parlamento, infatti, la Carfagna rassegnerà le dimissioni, indipendentemente dall’esito del voto. Resta da vedere se il premier riuscirà a dissuaderla da questa azione. Venerdì i due si sono sentiti telefonicamente, visto che Berlusconi si trovava a Lisbona. In quell’occasione la Carfagna avrebbe raccontato tutte le sue difficoltà a Berlusconi.

Il ministro Carfagna non si è ancora pronunciata sulla vicenda. Il momento, infatti, è delicato per il governo. In Parlamento è partita la campagna acquisti per la tornata elettorale imminente e forse anche il ministro potrebbe restarne invischiata.

Nicola Gilardi

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews