Magalli saluta Mattarella: ‘Auguri Presidente, il mio gioco è finito’

Niente da fare per Magalli al Quirinale: si chiude la surreale parentesi del conduttore candidato dal web a Presidente della Repubblica. Ma non finisce qui

giancarlo-magalli-quirinale

Giancarlo Magalli, candidato al Quirinale tra protesta e ironia

In un’Italia in cui l’unica certezza sul web è quella che non ci sono certezze, Giancarlo Magalli è diventato idolo ironico e non silenzioso del popolo della rete. A dispetto di chi, con la rete, ha deciso di provare a guidare un intero Movimento con risultati altalenanti, il conduttore de I fatti vostri ha cavalcato l’onda fino in fondo. E pochi minuti fa ufficialmente “deposto le armi”, con un post su Facebook in cui fa gli auguri a Sergio Mattarella, nuovo Presidente della Repubblica e ha annunciato che “si conclude qui un momento molto divertente e di grande soddisfazione della mia vita”.

IL BOOM SUL WEB - Giancarlo Magalli è diventato in pochi mesi uno degli idoli del web. Le dinamiche del successo virtuale del conduttore, come nella maggior parte dei casi, sono sconosciute ai più. Il boom vero e proprio è iniziato dopo una bufala pubblicata da un settimanale cartaceo, in cui si parlava di una donna talmente ossessionata dall’amore per Magalli da obbligare il marito ad indossare una maschera che ne riproducesse le fattezze, e girare nudo per casa. Una notizia surreale, ma non per chi ha deciso di pubblicarla realmente. E per tutte le pagine fan di Magalli su Facebook (Ma quanto cazzo è bello Magalli MagallyMagallica, Giancarlo Magalli che rovina filmIl disarmante fascino di Magalli e tante altre) è stata una manna dal cielo: risonanza aumentata esponenzialmente, un improvviso top trend su Twitter e il boom mediatico del presentatore.

MAGALLI-QUIRINALE-FACEBOOK

L’investitura ufficiale sulla pagina Facebook Magalli al Quirinale

MAGALLI AL QUIRINALE - Assieme a Gianni Morandi – altro idolo del popolo del social network di Zuckerberg, per il suo approccio perennemente ottimistico e pacato – il nome di Magalli è stato presto ironicamente accostato alla carica di Presidente della Repubblica, generando una immediata reazione causa-effetto. Con tanto di pagina Facebook dedicata da oltre 20mila fan, Magalli prima è finito nella rosa dei papabili sul sondaggio de il Fatto Quotidiano, poi addirittura ha stracciato Stefano Rodotà al momento della votazione online definitiva. Sollecitato inesorabilmente da stampa e addetti ai lavori, Magalli ha scelto l’approccio migliore alla vicenda, tra il realistico e l’ironico. 

IRONIA E CONSAPEVOLEZZA - Ha risposto alle interviste, rifiutando di “ritirare la propria candidatura” come chiesto dai giornalisti de il Fatto. Perché il suo nome evidentemente incanalava il malcontento di decine di migliaia di persone che, tra il serio ed il faceto, hanno usato la sua figura per protestare contro una politica in cui si riconoscono. Si è prestato al gioco, per Le Iene e per il web, e si è messo in gioco in prima persona, andando persino a salutare i ragazzi che avevano organizzato il divertente sit-in al Quirinale per chiederne la candidatura ufficiale. Sotto gli occhi delle telecamere, lanciato in aria tra sorrisi e cori da stadio. Ha incassato una preferenza alla prima votazione. Poi, al momento giusto, ha saputo dire le parole giuste.

Un lungo post su Facebook – e dove, se non nel non-luogo in cui è ridiventato famoso? – con la maturità e l’ironia di un 68enne che di acqua sotto i ponti ne ha vista passare. Per augurare il buon lavoro e l’in bocca al lupo al neo-presidente Mattarella e per sfilarsi dal “gioco”, perché questo per lui è stato. Un gioco sì, ma dai contenuti reali, in cui tanti hanno voluto con il suo nome rappresentare pubblicamente il loro malumore nei confronti della politica. Una protesta “educata e sorridente”. Merce rara al giorno d’oggi.

Giancarlo Magalli saluta tutti, ma lo fa con un arrivederci. Già lo sa che il web difficilmente dimenticherà il suo volto, e magari lo ergerà a portavoce di nuove improbabili battaglie. I misteri della rete ogni tanto riescono anche a far riflettere sorridendo.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews