L’Ucraina si sbarazza di Yanukovich, ma il futuro del Paese è incerto

I manifestanti hanno vinto, l’Ucraina andrà presto alle elezioni. Ma incombe l’ombra di una secessione che potrebbe dividere il Paese

ucraina

L’ex presidente ucraino Viktor Yanukovich

Fino a pochi giorni fa la sola idea sarebbe sembrata irrealizzabile, ma il presidente ucraino Viktor Yanukovich è stato destituito dal parlamento. La proposta presentata dall’opposizione è stata approvata con 328 voti favorevoli. Si tratta di una svolta imprevista che allontana, per ora, lo spettro della guerra civile. Contestualmente alla rimozione del presidente, del Primo ministro e del ministro dell’Interno – ritenuti responsabili della violenta repressione attuata contro i manifestanti – Yulia Tymoshenko è stata liberata dall’ospedale di Kharkiv, dove si trovava ricoverata per seri problemi alla schiena.  La Tymoshenko, in carcere da quando Yanukovich prese il potere, si è recata in piazza Maidan, a Kiev per parlare alla folla dei suoi sostenitori e ha fatto due importanti dichiarazioni. In primo luogo ha dichiarato che le persone morte durante gli scontri con la polizia non saranno dimenticati, ma serviranno da esempio per ricostruire un nuovo Paese, in secondo luogo ha incitato i manifestanti a non lasciare le piazze, ma a continuare ad esercitare pressioni sul governo.

L’EX PRESIDENTE CHE NON VUOLE MOLLARE - L’ex  presidente Yanukovich sarebbe fuggito da Kiev, per rifugiarsi a Kharkiv, nell’est dell’Ucraina, in una regione con orientamento filo-russo da dove ha tuonato contro l’opposizione: «E’ in corso un colpo di Stato simile alla crisi politica che avvenne in Germania con l’ascesa dei nazisti, non intendo dimettermi e ho il sostegno della comunità internazionale». Voci non confermate fanno sapere che Yanukovich avrebbe cercato di corrompere delle guardie doganali per fuggire in Russia senza riuscirci.

LA REGGIA DEL DITTATORE - Nello stesso giorno centinaia di ucraini sono penetrati nella reggia di Yanukovich a Mezhyhirya, una località a circa 15 chilometri dalla capitale. Quello che manifestanti e giornalisti hanno trovato all’interno dell’abitazione li ha sconcertati: colonne in marmo antiche, campi da golf, un veliero ormeggiato in un lago, auto d’epoca, uno zoo privato e ogni sorta di oggetti preziosi, non ultimo un wc in oro massiccio. L’enorme ricchezza contenuta in questo luogo non può non far pensare alle residenze di altri dittatori, come per esempio Saddam Hussein.

ucraina

Yulia Tymoshenko mentre parla alla folla di Kiev dopo la sua liberazione

LE RAEZIONI DAL MONDO - Mentre «L’Ucraina torna a vedere il sole ed il cielo», per usare le parole di Yulia Tymoshenko e mentre i più stretti collaboratori di Yanukovich si danno alla fuga per paura di essere arrestati, le reazioni internazionali ai nuovi fatti non si sono fatte attendere. Secondo il presidente del Parlamento europeo Martin Shulz «E’ un momento storico per l’Ucraina e per l’Europa». I ministri dell’Estero britannico e tedesco si sono detti molto soddisfatti per la conclusione della vicenda ucraina e hanno dichiarato di voler chiedere al Fondo monetario internazionale che venga dato un tangibile aiuto economico al nuovo governo. Anche gli Stati Uniti hanno elogiato il parlamento ucraino per le scelte fatte che implicano chiaramente un netto avvicinamento del Paese verso l’occidente. Una reazione completamente diversa arriva invece dal ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov. Lavrov ha definito i rivoltosi come dei briganti armati che non rispettano la democrazia e ha fatto appello ad alcuni Paesi europei affinché facciano pressioni su di essi.

UN FUTURO INCERTO - Il futuro dell’Ucraina è dunque ancora incerto visto che alcune regioni sono filo-russe e altre filo-europee, ma tutte le domande troveranno risposta il 25 maggio prossimo, data fissata dal parlamento ucraino per le nuove elezioni che si spera allontaneranno il pericolo di una secessione. Non è scontata, ma è molto probabile la vittoria della Tymoshenko, che ha affermato di volersi candidare alla guida del Paese.

Andrea Castello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews