LIVE! L’arte incontra il rock, arte e musica protagoniste

Jamie Reid_Sid Vicious Action Man (1978)

PRATO- imperdibile appuntamento dal 21 maggio presso il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci: fino al 7 agosto 2011 sarà possibile immergersi tra dipinti, sculture, installazioni, videoclip, artworks, LP, opere grafiche, fotografie, riviste e film selezionati per LIVE! L’arte incontra il rock, mostra curata da Luca Beatrice e Marco Bazzini. L’esposizione restituisce il panorama culturale degli ultimi quarant’anni attraverso un suggestivo parallelismo tra storia dell’arte contemporanea e storia del rock, accomunate dalla dimensione della performance.
Starting point del percorso espositivo è il 1969, anno dell’ultima storica esibizione live dei Beatles, di Woodstock, del Flower Power, del concerto dei Rolling Stones a Altamont, finito con la morte di quattro ragazzi.
Data significativa anche per l’arte contemporanea: è proprio nel ’69  infatti, che Harald Szeemann cura When Attitudes Become Form. In questa occasione gli artisti si esprimono secondo la propria sensibilità proponendo idee piuttosto che opere, così come nei concerti i musicisti esprimono la propria eccentricità nell’hic et nunc del concerto.

Anche gli anni Settanta vedono arte e rock elaborare le stesse dinamiche: nel 1972 i Pink Floyd scelgono l’anfiteatro romano a Pompei per invadere una natura lontana con la propria creatività, così come fa Robert Smithson due anni prima con la sua Spiral Jetty, opera simbolo della Land Art.

La contaminazione tra i generi si fa evidente con le sperimentazioni elettroniche di artisti come Nam June Paik, che in un video suona con Joseph Beyus: il rock non è più il solo protagonista della scena.
Alla fine di questo decennio, con i Sex Pistols e l’avvento del Punk, nasce una nuova estetica della “sporcizia e dalla follia”, paragonabile al “taglia e incolla” delle grafiche di Jamie Reid.
Negli anni Ottanta si diffonde una nuova voglia di leggerezza e un edonismo che trova nella pittura figurativa un suo sbocco naturale: si afferma la Transavanguardia, sono gli anni del postmodernismo in architettura, del tendone circense di Renato Zero; sono gli anni nei quali tornano a suonare in Italia star internazionali come Patti Smith e Bob Marley.

Il mondo occidentale si apre alla cultura africana (ricordiamo il concerto di Paul Simon in Zimbabwe e l’esposizione al Centre Georges Pompidou di dipinti di Chéri Samba), ma è anche la cronaca a diventare protagonista: la caduta del muro di Berlino è rappresentata nello storico The Wall dei Pink Floyd e nelle opere dell’artista russo Leonid Sokov.

Negli anni Novanta Vasco Rossi interpreta una nuova intimità che chiude “tutto il mondo fuori”, nuovo mood che in arte assume le forme delle opere “minimaliste” di artisti come Stefano Arienti.
Comincia il periodo degli unplugged, indimenticabile quello dei Nirvana nel 1993, della musica colta di Bjork, che si troverà a collaborare con l’artista Matthew Barney…

David Lachapelle_Michael Jackson, The beatification: I'll never let you part for you're always in my heart (2009)

Musica e arte, cantanti e artisti, performance e mito: la storia della cultura ricostruita tramite fatti accaduti, ma non solo: emblema dell’incompiuto, è “This is it” di Michael Jackson, concerto mai avvenuto, che in realtà è già Storia.

di Benedetta Rutigliano

Periodo 21 maggio – 7 agosto 2011

Sede: Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci
Viale della Repubblica 277, Prato +39 0574 5317

Orari: apertura Tutti i giorni dalle 14 alle 23 ; chiuso il martedì

Ingresso: libero

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews