Licenziato per un tatuaggio all’interno del labbro: c’è scritto Isis

Succede a New York: un giovane viene licenziato con effetto immediato perché si è fatto tatuare, all'interno del labbro inferiore, la scritta Isis

Il tatuaggio incriminato (www.mirror.co.uk)

Il tatuaggio incriminato (www.mirror.co.uk)

NEW YORK – Un dipendente dell’Home Depot di New York, un negozio per l’arredo della casa e il bricolage, è stato licenziato a causa di un tatuaggio. L’uomo si è fatto tatuare la scritta ISIS all’interno del labbro inferiore. Scoperto il tatuaggio, i superiori lo hanno licenziato con effetto immediato e il giovane, sconvolto, ha protestato chiedendo di riavere il suo lavoro. Ma partiamo dall’inizio.

LA SCOPERTA DEL TATUAGGIO – Durante una normale giornata di lavoro al negozio il giovane Kirk Soccorso, che effettua le dimostrazioni di attrezzi per la casa e il giardino, sta chiacchierando con alcuni colleghi. Ad un certo punto questi cominciano a parlare della terribile strage avvenuta a Tunisi, probabilmente per opera dell’Isis. Quando l’uomo sente nominare l’Isis, mostra contento il tatuaggio che ha all’interno del labbro inferiore: si tratta appunto della scritta ISIS. I colleghi si spaventano, e raccontano quello che hanno visto ai superiori. Così, nel giro di poco, arriva il licenziamento con effetto immediato di Kirk Soccorso, il quale, sconvolto, chiede quale sia la causa del licenziamento.

Kirk Soccorso (www.mirror.co.uk)

Kirk Soccorso (www.mirror.co.uk)

IL LICENZIAMENTO – Quando gli viene comunicato che la causa del licenziamento è il suo tatuaggio, Kirk è ancora più smarrito: afferma, infatti, di non aver voluto spaventare nessuno e che, prima di quella chiacchierata con i colleghi, non sapeva nemmeno che l’acronimo tatuato in bocca si riferisse allo Stato islamico dell’Iraq e della Siria che sta causando terrore e morte nel mondo. Kirk Soccorso, infatti, si era fatto tatuare il nome della sua ex ragazza, Isis, che deriva dalla dea della natura egizia. A corroborare la sua teoria il fatto che si fosse tatuato ben quattro anni fa. Ma non c’è stato niente da fare: Kirk Soccorso ha perso il lavoro e non c’è speranza che lo possa recuperare. Il giovane si è detto sconvolto riguardo al suo licenziamento e ha ribadito che non era sua intenzione spaventare nessuno e che il suo era un buon lavoro, ben pagato, e lo rivorrebbe indietro non avendo fatto nulla di male. Tuttavia un portavoce del negozio newyorchese ha fatto sapere ai media che Soccorso non è stato licenziato per il tatuaggio con la scritta ISIS, ma per un “problema personale”.

Mariangela Campo

@MariCampo81

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Licenziato per un tatuaggio all’interno del labbro: c’è scritto Isis

  1. Pingback: Allarme tatuaggi e piercing: infezioni ed epatiti per un giovane su quattro

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews