Lega Nord. Tosi: mi candido a premier per il centrodestra

Flavio Tosi

Flavio Tosi (aspettandoil60ttobre.it)

 RomaAspettandoil6ottobre.it. Con il debutto di un sito dedicato, con tanto di calendario che indica i giorni e le ore che mancano alla Convention di Mantova, Flavio Tosi ha ufficializzato lunedì la sua candidatura a futuro premier per il centrodestra. La notizia, circolata già in agosto, ha avuto poca eco sulla stampa nazionale presa dalle vicende berlusconiane, ma non è da sottovalutare. La discesa in campo di Flavio Tosi, infatti, rappresenta un tassello importante nella ridefinizione della leadership nel centro-destra post-Berlusconi ed apre ad importanti riflessioni sul futuro della Lega.

Un progetto per il paese -  A Mantova Tosi presenterà la Fondazione Territorio e Libertà ed il suo “progetto per il paese”. Per il segretario della Liga Veneta, la Fondazione è «semplicemente uno stimolo perché all’interno della nostra area si tengano le primarie». Al palabam, il palazzetto scelto per la Convention, sono attesi leghisti e non, elettori di centrodestra e di centrosinistra. Non ci saranno bandiere o riferimenti a schieramenti politici: Tosi, esporrà le proprie idee, il suo programma elettorale e lancerà la sua candidatura come successore di Berlusconi.

Tosi rottamatore  – Fulcro del suo discorso,  sarà la necessità di un ricambio generazionale all’interno del centrodestra e l’importanza delle primarie, considerate «la strada giusta per riavvicinare la gente alla politica»; spazio anche alla riforma della legge elettorale con la scelta diretta del premier.

Il Sindaco di Verona, che si è fatto paladino della “mutazione genetica” di una Lega impoverita attuando una vera e propria “epurazione” della precedente classe dirigente, lancia, dunque, la sua sfida al più famoso “rottamatore” Matteo Renzi, candidato in pectore per il centro-sinistra. Due primi cittadini per la corsa più importante, quasi a  ricordare, dopo le tempeste politiche degli ultimi tempi,  che l’Italia più vera è quella dei Comuni e che la forza viene dal territorio. Chi avrà la meglio? Riuscirà Tosi a superare il suo rivale proponendo “il Modello Verona” a livello nazionale?

E’ l’uomo giusto -  Il via libera alla candidatura di Tosi è arrivato anche da Matteo Salvini, segretario della Lega Lombarda e pupillo di Maroni. Secondo indiscrezioni ci sarebbe un accordo che vedrebbe Maroni alla Regione, Salvini alla segreteria di partito e Tosi candidato premier.

Maroni, Salvini, Tosi (ininsubria.it)

Da sinistra Matteo Salvini, Roberto Maroni e Flavio Tosi (Ininsubria.it)

L’entusiasmo per una candidatura “nuova” deve, però, fare i conti con alcuni dati di fatto: quali saranno gli elettori di Tosi? Il Pdl che è al 28% dei consensi cederà facilmente la leadership a chi, in base all’alleanza con Fratelli d’Italia raggiunge solo il 7%? Tosi ha dichiarato che «Bisogna farsi votare anche da chi non è del tuo partito, è così che si vince in democrazia» ma è altrettanto vero che non si può vincere senza la propria base. Proporre  “un progetto per il paese” a chi ha da sempre seguito l’idea e la necessità della secessione, dell’indipendenza del popolo padano, della lotta a “Roma ladrona”, è un’impresa ardua. E’ anche vero che l’elettorato è cambiato; le ultime vicende politico-partitiche hanno portato a modificare i criteri di attribuzione del consenso da parte dei cittadini: gli ideali non sono così forti da essere cavalcati e gli slogan lasciano il tempo che trovano. Le persone hanno bisogno di concretezza, quella che è in grado di dimostrare un amministratore locale nelle sue scelte quotidiane. Ragionando in maniera ancora più realistica, Tosi potrebbe rappresentare la via d’uscita dopo gli anni bui dell’alleanza con il Pdl sempre più catalizzato sulle vicende di Silvio Berlusconi.

Ed il pdl? – Per il pdl al momento «l’unica candidatura possibile per il post-Berlusconi è quella della figlia Marina» – ha sottolineato Giuliano Ferrara in un intervento in tv. E’ molto difficile pensare, dunque, che il pdl si apra a tale proposta ma è indubbio che se si desse luogo alle primarie ci sarebbero delle sconvolgenti sorprese.

Alessandra Pelle

Foto: aspettandoil6ottobre.it; ininsubria.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews