Le nozze del barbiere più famoso del mondo: Figaro!

 

 

Il capolavoro firmato W. A. Mozart torna in scena più acclamato che mai nella versione firmata dalla compagnia AsLiCo, che dal 2005 porta in giro per l’Italia questa insuperabile opera. I giovani cantanti, diretti da Nicola Berloffa, impersonano i ruoli che dal 1 maggio 1786, anno della prima recita a Vienna, sono entrati di diritto nel parterre dei più apprezzati e conosciuti dal pubblico: in primis il famoso barbiere di Siviglia, il furbo e scaltro Figaro, il Conte e la Contessa di Almaviva, Susanna, Cherubino, Don Basilio, Bartolo, Marcellina, Barbarina, Don Curzio, Antonio.

Fedeli allo spirito comico del suo autore, propongono una versione che loro stessi definiscono “tascabile”: i quattro atti del libretto di Lorenzo Da Ponte tratto da Le Mariage de Figaro di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais scorrono leggeri e piacevoli, incantando e soprattutto divertendo gli spettatori del Teatro Giuditta Pasta di Saronno (20-3311)

A contribuire al successo la presenza rigorosamente dal vivo, come in ogni rappresentazione che si rispetti,  dell’Orchestra 1813 capitanata dal suo direttore Josè Luis Gomez Rios, che accompagna il canto degli attori e sottolinea i momenti salienti.

Una trama piuttosto complicata, non facile da seguire per i profani del genere, magari estranei alla necessaria lettura del testo.

Nozze in scena

Nozze in scena

Non si tratta solo del racconto di un’unica folle giornata, non solo una storia di amore in tutte le sue sfaccettature, dalla sua nascita alla sua conclusione, è anche e soprattutto una riflessione critica e poco accondiscendente sul sistema politico e sociale in vigore nell’impero di Giuseppe II, nel quale la nobiltà in declino cede il passo a una borghesia arricchita e prepotente tracciando la strada verso la  rivoluzione francese.

Su una scenografia volutamente essenziale si alternano intricati scambi di persona, di biglietti e missive, variazioni di scena che è l’immaginazione dello spettatore a costruire davanti ai suoi occhi. Fino all’immancabile e atteso lieto fine che scioglie ogni impedimento.

Chiara Albricci

www.teatrogiudittapasta.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews