Le città dei Mondiali – Nelspruit, un villaggio metropolitano

Clima soleggiato, foreste lussureggianti, fiumi spettacolari dalle correnti impetuose, paradisi montani…Cosa ci suggerisce tutto ciò? Naturalmente sport! E che sia d’avventura! Mpumalanga.com – What to Do

Qualsiasi cosa la fantasia vi suggerisca, qui si può fare! Mountain bike, fuoristrada, bungee jumping, canyoing, torrentismo (kloofing in gergo sudafricano), rafting, canoa, salti nel vuoto con dondolamento e tanto altro ancora. Affrontate le 20 emozionanti rapide sullo spettacolare fiume Sabie con un boogie board, un gommone o surfando le onde. O gettatevi a capofitto dagli alberi  appesi al più lungo cavo aereo di tutta l’Africa. Gli esperti potranno anche sperimentare il rafting nel Canyon del fiume Blyde. Ma il meglio deve ancora arrivare…la scalata al contrario lungo le centinaia di corsi d’acqua che confluiscono nei fiumi Blyde, Crocodile e Oliphants, in una combinazione integrata di discesa a corda doppia, canoa e nuoto.

Occhi al cielo! Dall’acqua all’aria, sorvolando in deltaplano o parapendio le spettacolari scarpate e le pareti rocciose del canyon del fiume Blyde. Una scenografia da urlo, e non solo per il panorama! Appassionati di ultraleggero, paracadutisti e piloti di piccoli velivoli trovano qui il luogo ideale per le loro evoluzioni. Hazyview, capitale del safari, è anche la meta preferita dagli amanti del volo in mongolfiera .

Il pazzesco salto nel vuoto di Graskop è incluso nell’elenco dei must! Naturalmente se il cuore vi regge!  68 m di caduta libera, velocità da 0 a 160 km orari in 3 secondi, dondolamento a pendolo in una gola che pare infinità. Provate anche la zipline (chiamata in gergo locale foefie slide) – una velocissima scivolata lungo un cavo teso sopra la gola a un’altezza di 130 m mentre il corpo penzola a 80 m dal fondovalle.

Anche se cercate qualcosa di più tranquillo sarete accontentati. Le regioni attorno a Nelspruit offrono ottime opportunità di pesca e caccia. Fiumi ricchi di pesci d’acqua dolce per la pesca con la lenza, pesca della trota con la mosca e bacini artificiali chiusi da dighe dove pescare il pesce tigre. Una valida alternativa è anche la caccia “verde”, praticata nel rispetto della fauna selvatica con il supporto di esperti veterinari. E perché no, invece dei pesci, si può provare ad infilare all’amo una bella pepita d’oro, setacciando l’acqua dei fiumi come provetti cercatori.

Ora è il momento del relax. E in questo, provato con mano, i sudafricani sono davvero degli esperti! Massaggi al corpo e ai piedi, trattamenti di bellezza, tecniche di meditazione…in una parola… benessere. Per un tagliando completo, il posto giusto è Crystal Gateway a White River, dove vi aspetta un maestro Reiki e dove potrete sperimentare la lettura dei cristalli e la tecniche olistiche di guarigione; per chi è alla ricerca di significati più profondi c’è  il Boondocks Mountain Lodge & Labyrinth vicino a Barberton, ispirato al labirinto della cattedrale di Chartres; il lusso assoluto è la norma nel Cybele Forest Lodge and Health Spa di White River, a circa 40 km da Nelspruit, mentre il Pestana African Bush Spa nel Pestana Kruger Lodge a due passi dall’ingresso Malelane del Parco Kruger, è un luogo ideale per ritrovare l’equilibrio tra mente, corpo e spirito.

Altri indirizzi consigliati: Rose Retreat, un centro 5 stelle nel Summerfields Lodge, Summerfields River Lodge & Spa Hippo Hollow Estate spa,  Wellness@Casterbrige e Crocodile Country Inn wellness centre.

Il paesaggio dello Mpumalanga (Mpumalanga Tourism Authority), è semplicemente fantastico. Considerata una delle regioni più panoramiche del paese, ospita la spettacolare The Panorama Route con le sue celebri attrazioni naturali: il canyon del fiume Blyde, God’s Window, le marmitte dei giganti di Bourke,  le caverne Sudwala. Risalenti a oltre 2 miliardi di anni fa, le caverne ospitano sculture calcaree dai nomi assai suggestivi, come Mostro urlante, Pulpito del diavolo, Madonna piangente, Pilastro di Simone, vicolo degli amanti, Tunnel dei sospiri, Lupo o Razzo dello spazio, alta 11 m che si vocifera  nasconderebbe il favoloso tesoro, detto dei ‘Milioni di Kruger’. Blyde Canyon, lungo 25 km, è l’unico canyon al mondo ricoperto di alberi, con pareti rocciose alte 700 m. Le formazioni più caratteristiche sono i Tre Rondavel, alte rocce coniche che ricordano la forma delle tradizionali capanne africane. Le marmitte dei giganti di Bourke (che nel nome inglese richiamano un augurio della natura ‘luck potholes’ cioè ‘marmitte della fortuna’) sono un visione surreale. Si tratta di un complesso di massi levigati dal tempo, scavati in profondità dalle acque e dalla pressione dei ghiacciai che si andavano sciogliendo. Dal belvedere di God’s Window (La finestra di Dio) si può scorgere il parco nazionale Kruger fino al territorio del Mozambico, a una distanza di 100 km..

Nelle vicinanze di Sabie, si ammirano numerose cascate dai nomi profondamente evocativi: Bridal Veil (velo da sposa), Horseshoe (ferro di cavallo), Lone Creek (ruscello solitario) e Sabie Falls; a Graskop si visitano le Lisbon Falls, le Forest Falls, le Maria Shires Falls e le spettacolari Mac-Mac Falls, alte 65 m. Il Long Tom Pass da Sabie a Lydenburg, il cui nome deriva il nome dal cannone, del diametro di 15 cm, usato dai boeri nella guerra anglo-boera e a cui gli inglesi affibbiarono il nomignolo di Long Tom, è una strada lunga 57 km che raggiunge un’altitudine di 2149 m. Oltre al paradiso del The Highlands Meander, il Mpumalanga cela un altro tesoro tutto da scoprire: il distretto dei laghi.. Il villaggio di Chrissiesmeer è circondato da 270 laghi e stagni che attraggono 20 000 fenicotteri ogni anno. Una nuvola rosa  che lascia letteralmente senza fiato.

Una nota a parte è il Kruger National Park con il suo motto: “Non lasciare altro che le orme dei piedi,  porta via soltanto fotografie e ricordi”. Molteplici sono i varchi ufficiali di ingresso, oltre a quello  principale della cittadina di Hazyview. E oltre la soglia, si apre un mondo inesplorato.

Elefante, leone, rinoceronte, leopardo, bufalo, tutti i big five sono “pronti ad accogliere” gli oltre 3 milioni di visitatori che ogni hanno si presentano immancabili all’appuntamento con il safari. Non vorrete certo essere da meno! Osservare a distanza ravvicinata gli animali, nel loro contesto naturale, è qualcosa che lascia davvero il segno.

In alternativa, dal Parco Kruger potete dirigervi direttamente verso il Parco nazionale del Limpopo nel Mozambico, passando per la diga Massingir. I due parchi sono in corso di fusione in una sola vastissima area protetta conosciuta con il nome di Parco Transfrontaliero Great Limpopo. In Mozambico, è d’obbligo una visita della capitale Maputo e alle isole vicine. Dalla sezione settentrionale del Parco Kruger si raggiungono il Botswana e il famoso Tuli Block. Potete anche fare una capatina in Swaziland passando per il famoso passo Saddleback che si apre fra le montagne più antiche del mondo, i monti Mkonjwa. Questa regione, chiamata la Frontiera selvaggia, confina con Mozambico, Swaziland e l’estremità meridionale del parco nazionale Kruger. Una delle attrazioni naturalistiche dello Swaziland è la valle Ezulwini, che gli swazi chiamano “valle del paradiso” con il santuario della fauna selvatica Mlilwane, fondato nel 1964, ma meritano anche il Parco nazionale Hlane Royal la Riserva faunistica Mkhaya.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews