L’America smantella le sue dighe

Prima dello sviluppo del nucleare, alla fine della seconda guerra Mondiale, producevano circa il 40% dell’energia degli Stati Uniti. Alcuni anni prima anche attraverso la loro costruzione il New Deal di Frankin Delano Roosevelt era riuscito a trascinare la confederazione americana fuori dalla Grande Depressione.

La monumentale diga Hoover Dam in Colorado

Ora la loro gloria sembra finita, e in America ne stanno smantellando una dopo l’altra: 925 dighe negli ultimi anni sono state distrutte negli USA, e la tendenza non sembra arrestarsi. Tutto ciò per la gioia delle associazioni ambientaliste e dei nativi americani, da sempre contrari a questi colossi molto spesso considerabili un vero e proprio stupro del paesaggio.

 

Alcuni studi hanno dimostrato che grazie al ritorno dello status originale in mlti casi si eviteranno alcune calamità naturali, provocate o incrementate anche dalla modifica del flusso dei fiumi. Ma nonostante ciò la National Hydropower Association prevede di aumentare del 66% la produzione di energia entro il 2026, attraverso una concentrazione nelle dighe più grandi ed efficienti. Un passo avanti per lo sfruttamento delle risorse, chi ama la natura non può che ringraziare.

 

Andrea Corti

 

Immagini da yourpics.web44.net e terninrete.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews