L’aggressore di Berlusconi torna a casa

Il 13 dicembre del 2009 in Piazza del Duomo a Milano colpì in faccia con una statuetta il Presidente Silvio Berlusconi, che fu costretto a una lunga e dolorosa seduta dal dentista per riparare il danno subito, ora Massimo Tartaglia è tornato a casa.

Massimo Tartaglia dopo l'aggressione a Berlusconi

Dopo essere stato giudicato incapace di intendere e di volere l’aggressore del Premier ha passato quasi due anni in una comunità terapeutica a San Colombano al Lambro, in provincia di Milano. Ieri il ritorno a casa del quarantaquattrenne, a seguito della decisione dei giudici di concedergli la libertà vigilata visto il netto miglioramento delle sue condizioni.

Tartaglia ha dichiarato di essere pentito del suo gesto, e di non voler incontrare la sua vittima: “Gli ho già chiesto scusa e lui mi ha perdonato. Ora lo vedo in ottima forma ma sono dispiaciuto per quello che gli ho fatto. Potrebbe essere mio padre…”.

Nessun commento, invece sulla popolarità che ottenne all’epoca in seguito al suo gesto, con la conseguente creazione di numerosi gruppi di pseudo fan sui principali social network.

 

Andrea Corti

 

Foto da iltempo.it e valdelsa.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews