La stagione è alle porte: accomodatevi in platea

La conferenza stampa di Abatantuono

Milano – L’ultimo fine settimana di settembre ci porta all’autunno e all’inizio della nuova stagione teatrale. Gli attori sono alle prove finali, i registri sperimentano le ultime idee per migliore le performance, gli scenografi montano le scene definitive, i costumisti cuciono e ricamano i vestiti di scena mentre i produttori organizzano conferenze stampa per promuovere lo spettacolo. Un lavoro frenetico di tutti quanti per garantire al pubblico un anno di grande teatro.

Nel frattempo il teatro alla Scala di Milano allestisce dal 29 settembre una mostra dal titolo i Musicisti invisibili, che rimarrà visibile al pubblico fino al 28 ottobre. Saranno esposti circa quaranta strumenti meccanici e automi musicali costruiti dal 1770 a oggi: uccelli cinguettanti, un banjo che suona da solo, fisarmoniche meccaniche a trombe e rulli, i primi fonografi Edison e molte altre curiosità del far musica “ex machina”. Girando una manovella, alzando un peso o caricando una molla, questi antenati e surrogati meccanici raccontano l’antico desiderio di sostituire l’uomo anche nell’atto della creazione: in alcuni casi congegni di straordinaria valenza tecnica, in altri oggetti di semplicità disarmante, tutti mossi dall’intento di stupire ed emozionare.

Sin dal suo primo successo in Belgio nel 1995, la collezione ha viaggiato attraverso l’Europa, l’Asia, il Sud America e l’Africa. A oggi più di 2.880.000 visitatori hanno potuto scoprire e apprezzare questa esposizione, senza contare tutte le visite didattiche organizzate per le scuole.

Cartellone alla mano in questo periodo le direzioni dei teatri propongono le conferenze stampa di presentazione degli spettacoli in attesa che parta la stagione effettiva. Nella cornice del ristorante Piazza Repubblica d Milano il teatro Manzoni ha presentato la commedia Vengo a prenderti stasera con Mauro di Francesco e Ninì Salerno per la regia da Diego Abatantuono. E’ proprio quest’ultimo a presentare lo spettacolo evidenziano che ha scelto di firmare la regia per l’amicizia che lo lega a Mauro di Francesco. «Come sempre mi è accaduto – prosegue – ho iniziato i miei lavori per un senso di amicizia e poi da lì sono partito con un lavoro strutturato. Lo spettacolo è stato rivisto e riscritto per alleggerirlo e renderlo maggiormente cinematografico. Il mio intento è quello di togliere l’aspetto lugubre della morte che lo show inevitabilmente tratta (la storia parla del dialogo tra un attore fallito, M. di Francesco, e la morte, Ninì Salerno, che lo vuole portare con sè, ndr) per garantirgli un aspetto maggiormente comico. Il testo era da svecchiare dato che l’umorismo in generale è funzione del tempo, basta vedere come reagiscono i giovani alle battute che andavano qualche anno addietro». Oltre alle modifiche testuali il citato trio ha dato originalità alle scenografie con effetti speciali «ma non aspettatevi effetti alla Nasa» interviene Abatantuono, e si sono sbizzarriti sulla scelta della musica. Per Diego Abatantuono è un primo passo nel mondo della regia teatrale ma è ancora presto per pensare ad un futuro stabile in questo mondo.

A Roma segnaliamo lo spettacolo in programma fino al 30 settembre al Teatro Arcobaleno, Cuadros Flamencos di Garcia Lorca, show che unisce la tradizione del canto, danza e musica creando un’atmosfera da sogno. Lo spettacolo è diviso in quattro Quadri di grande suggestione, nei quali l’antico canto andaluz si fonde con l’avanguardia internazionale.

Marco Papetti

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews