La solidarietà a Fabriano si fa arte con il festival Poiesis

La locandina della manifestazione

FABRIANO (AN) – Inizia oggi, a Fabriano, Poiesis il festival della solidarietà e dell’accoglienza. Una tre giorni con grandi protagonisti, per celebrare tra arte e storia i 150 anni dell’Unità d’Italia.

La kermesse, giunta alla sua quarta edizione, proseguirà fino a domenica 22 maggio e sarà ricca di appuntamenti gratuiti aperti a tutti. Si alterneranno artisti e personalità istituzionali: in programma i concerti di Stefano Bollani, Francesco De Gregori e Goran Bregovìc e gli incontri con Giuliano Amato, Guglielmo Epifani, Massimo Cacciari e altri nomi di rilievo nazionale per riscoprire l’identità italiana.

Il tema della quarta edizione di Poiesis è “Fratelli in Italia”, celando in questa espressione un preciso richiamo alla solidarietà e alla necessità di saper accogliere l’altro che ha deciso di fare dell’Italia il proprio Paese “adottivo”. Mai come in questo momento la forza di questo messaggio dovrebbe coinvolgere tutti coloro che hanno parte attiva nell’affrontare in prima persona il disagio di chi ogni giorno sbarca sulle nostre coste nella speranza di un futuro. Una performance “multietnica” rafforzerà questo aspetto: ci sarà, infatti,  una banda musicale formata da immigrati provenienti da terre lontane che suonerà l’inno di Mameli arrangiato da Giorgio Battistelli.

Il programma del festival è ricchissimo di appuntamenti e personaggi che contribuiscono al prestigio del nostro Paese: proiezioni, letture, interviste e pièce teatrali. Aprirà Poiesis Giuliano Amato, presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Gli incontri continueranno poi con Massimo Cacciari e Toni Servillo, protagonisti di “Patroni d’Italia”, con una lettura su San Francesco, Giotto e Dante alla riscoperta dell’arte e della cultura italiane. In programma anche l’intervista a Don Ciotti, fondatore di Libera, il monologo di Alessandro Bergonzoni, i concerti di Francesco De Gregori, Stefano Bollani e Danilo Rea, lo spettacolo teatrale di Neri Marcorè che racconta Gaber e Pasolini.

Goran Bregovic, protagonista del concerto d'apertura

E poi ancora il dibattito, condotto da Dario Vergassola, tra Bill Emmot, ex direttore dell’Economist, Lucio Caracciolo, direttore di Limes e l’ex segretario della Cgil Guglielmo Epifani. Spazio anche per la pittura e le arti figurative, ci saranno infatti esposte opere del Tiziano, del Caravaggio, Carracci, Gentileschi, De Chirico e Savino.

A salutare tutti coloro che affolleranno la città di Fabriano, officina culturale in questo weekend, dando loro appuntamento al prossimo anno, il concerto di Goran Bregovìc.

Scarica il programma completo del Festival cliccando su http://www.poiesis-fabriano.it/rassegna/arte2011.pdf

foto via provincia.ancona.it; laprimaweb.it; radioincorso.it

Elisabetta Corrado

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews