La Russia condanna a 15 anni un agente estone. L’Ue chiede il rilascio

L'UE chiede il rilascio dell'agente estone: 'La condanna di Kohver, accusato di spionaggio e contrabbando, è una violazione del diritto internazionale'

Presidente della Russia, Vladimir Putin e l'Alto Rappresentante della Politica estera europea, Federica Mogherini (kyivpost.com)

Presidente della Russia, Vladimir Putin e l’Alto Rappresentante della Politica estera europea, Federica Mogherini (kyivpost.com)

La detenzione dell’agente dei servizi di sicurezza estoni Eston Kohver è illegale e Mosca dovrebbe restituirgli immediatamente la libertà. Lo ha affermato l’Alto rappresentante della politica estera europea, Federica Mogherini, in una nota diffusa oggi. Kohver è stato condannato a 15 anni di carcere perché ritenuto colpevole di spionaggio, contrabbando, detenzione di armi da fuoco nonché di aver attraversato illegalmente il confine con la Russia. L’Unione Europea chiede il rilascio immediato del signor Kohver immediatamente, nel rispetto degli obblighi internazionali.

L’ARRESTO DI KOHVERMosca, Russia. L’ufficiale della polizia estone Eston Kohver è stato arrestato il 5 settembre 2014 dal Servizio di sicurezza di Mosca, sul lato russo della frontiera con l’Estonia, mentre era in possesso di armi e di una cospicua somma di denaro. Il giorno successivo all’arresto, Kohver è stato accusato formalmente di spionaggio, cui poi si sono aggiunte imputazioni per contrabbando, trasporto illegale di armi e ingresso illegale in Russia. Le autorità estoni dichiarano che l’ufficiale – impegnato in una indagine nella zona di frontiera – sia stato sottoposto a minaccia armata e costretto a valicare il confine.

LA CONDANNA DI KOHVER – Il tribunale della regione di Pskov lo ha oggi condannato a 15 anni di carcere da scontare in territorio russo. Oltre alla detenzione l’ufficiale dovrà pagare anche una ammenda di 100 mila rubli (oltre 1.500 dollari). Dopo aver appreso il verdetto pronunciato del tribunale della regione di Pskov, il primo ministro dell’Estonia, Taavi Roivas, dichiara: «Tutto il processo è stato una farsa e l’Estonia farà il possibile perché la Russia liberi” Eston Kohver».

L’INTERVENTO DELL’UNIONE EUROPEA - Anche l’Unione europea interviene nella vicenda chiedendo la liberazione di Kohver. «Il sequestro di Kohver e la successiva detenzione illegale in Russia costituiscono una chiara violazione della legge internazionale», si legge in una nota diffusa dall’alta rappresentante per la Politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini. L’uso della parola “sequestro” non è affatto casuale; l’Estonia ritiene, infatti, che i servizi di sicurezza russi abbiano catturato l’ufficiale entro i confini del proprio territorio e che lo abbiano poi intenzionalmente trasportato al di là di essi.

LA FALLA DELLA LEGALITA’ – «Nonostante ripetute richieste – afferma la nota – le autorità russe non hanno risolto la questione. L’Ue continua a chiedere alla Federazione russa di agire nel rispetto dei suoi obblighi internazionali, rilasciando Kohver immediatamente e garantendogli il suo ritorno in salvo in Estonia». Mogherini sottolinea: «In più, proprio dall’inizio, Kohver è stato privato del diritto a un giusto processo: non ci sono state udienze pubbliche, il console estone non è stato autorizzato a essere presente alle udienze e a Kohver non è stato dato adeguato supporto legale».

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews