La grande bellezza secondo Paolo Sorrentino – Recensione

Locandina del film ' La grande bellezza' (bestmovie.it)

In concomitanza con il successo di Cannes, è uscito nelle sale cinematografiche La grande bellezza, il nuovo film di Paolo Sorrentino. Jep Gambardella (Toni Servillo) ha 65 anni, è uno scrittore e giornalista nonchè il re della mondanità romana, composta da personaggi vacui, volgari, nobili decaduti, alti prelati corrotti, attori e finti intellettuali. Jep, pur facendo parte di questo mondo potente e disfatto, rivolge i suoi occhi pietosi a chi, come lui, è amorale e disperato, trovando in queste caratteristiche un filo di tenerezza. Come chi lo circonda, annega il non senso esistenziale nell’alcool e nella mondanità e ricerca affannosamente l’ispirazione per poter scrivere di nuovo.

La grande bellezza è un film che volge lo sguardo verso un’umanità odierna che sprofonda sempre più nella disperazione, nella melma dei vizi e nell’assenza di valori. Questi personaggi sbandati, che si muovono dentro spazi lussuosi e ricchi, sono dominati da un impeto di autodistruzione assoluta che li porta ad essere cinici nei confronti della vita, una sorta di scudo di protezione, un tentativo di autodifesa. Apparentemente potrebbero ricordare i nobili della Dolce Vita, ma i personaggi felliniani rappresentano lo stereotipo della classe dominante del dopoguerra, ricca, ottimista e piena di risorse, in netto contrasto con i ricchi del XXI secolo, un gruppo di anime erranti, malinconiche e sole. In questi soggetti atrofizzati si nota però la ricerca costante dell’amore o di qualcosa che lo possa ricordare anche vagamente. Ma i tormenti interiori rendono schiavo chiunque non riesca ad esprimere liberamente i propri sentimenti.

Roma è la cornice di questa società: una città bellissima ma vuota, disabitata, silenziosa, misteriosa, sublime, alla quale è affidato il concetto supremo di bellezza assoluta che quasi sfiora il metafisico. La città assume a tratti sfumature barocche, oniriche, surreali, una bellezza eterna che può ferire. Roma raccoglie tutte le paure, le perplessità, gli interrogativi che caratterizzano il presente e in questa atmosfera sognante i personaggi sono centrifugati in una realtà insolita e sopra le righe, dagli ambienti modaioli e malsani. La Roma dell’arte, dei palazzi antichi, delle feste, della droga e della ricchezza è un grande affresco lirico, un poema.

Immagine tratta dal film 'La grande bellezza'

Il film può essere interpretato come una preghiera corale che l’umanità laica e in difficoltà rivolge verso il grande mistero. Paolo Sorrentino vede il vuoto come il male del secolo odierno, una sensazione che è alimentata dalle grandi metropoli in cui l’uomo vive e che sfocia in un dualismo implacabile ed eterno: la perdizione immorale e la condanna di essa. Nel film si avverte una certa dose di comprensività e gentilezza nei confronti di questa umanità naufragata, la morale e la critica non si percepiscono, né tanto meno il giudizio personale del regista, che ricerca attraverso l’esperienza cinematografica la bellezza e la gioia anche negli ambienti grotteschi, attuando un’indagine libera ma profondamente faticosa.

Oltre alla partecipazione al film di Toni Servillo, il cast artistico vanta nomi di tanti altri attori noti, capaci, dotati di una grande presenza scenica come Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Anna Della Rosa.

(Foto: bestmovie.it / melty.it)

Giulia Orsi

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=cJ8O-Y2CXk8[/youtube]

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews