La dura reazione di Bossi contro Fini

Umberto Bossi, che  ormai si ritiene unico alleato di Silvio Berlusconi, scalpita. Il discorso tenuto da Gianfranco Fini a Mirabello scatena tra le file leghiste una dura reazione contro l’ex leader di AN. Secondo Bossi il presidente del Consiglio «è un leader dimezzato»

di Sabina Sestu

Bossi e Berlusconi

«Speriamo che Fini non dia fuori di testa – aveva affermato il leader leghista venerdì 3 settembre a Chiavari, durante un comizio tenuto per celebrare i vent’anni della Lega Nord – perché se no Berlusconi avrà difficoltà enormi a trovare i numeri per fare approvare le leggi. Comunque vada il federalismo passerà, perché, anche se si andasse al voto, i ministri sarebbero sempre in azione fino alla nomina dei ministri del successivo governo». E aveva continuato sostenendo che, per arrivare al 2013, ossia alla fine della legislatura «il povero Berlusconi dovrà fare una faticaccia perché dovrà chiedere i voti all’Udc o a Fini».

Aveva parlato anche del nuovo ministro dello Sviluppo economico, dichiarando che: «Vorrei Berlusconi e in alternativa uno della Lega: mettiamo Castelli che è bravo». All’ipotesi che Silvio Berlusconi avrebbe temporeggiato nell’abbandonare l’interim del ministero, formulata da alcuni giornali, perché pensava di offrirlo all’Udc aprendogli così le porte come alleato di governo, Bossi aveva risposto: «Spero di no, io mi fido di Berlusconi. L’Udc a me non piace, ha fatto saltare la vittoria di Cota a Torino».

A Chiavari non aveva ancora perso la speranza di una soluzione positiva con l’ex alleato di governo. Riguardo al discorso che il presidente della Camera avrebbe tenuto di lì a pochi giorni a Mirabello, Bossi aveva pronosticato che:  «Fini volerà basso perché in certi momenti bisogna essere cauti, certamente non dirà che fa un nuovo partito». E all’idea che i finiani avrebbero accettato di allearsi con la sinistra in caso di elezioni anticipate, come aveva proposto Rosy Bindi, presidente dell’assemblea nazionale del Pd, aveva risposto che «è una cosa ridicola. Tanto vinciamo noi comunque e, se fanno quell’alleanza, vinciamo di sicuro – e aveva concluso con una battuta sulla Bindi – Da quando Berlusconi le ha detto quella frasaccia è diventata più aggressiva. Mai fidarsi delle donne».

Le parole del leader leghista, dopo il discorso di Fini a Mirabello, sono tutt’altro che ottimistiche. «La situazione ora è difficile, così è dura andare avanti, e come se il presidente della Camera avesse detto: ‘non voglio accordi con il Carroccio, anzi’ ce l’ho con il Nord». Non transige sul “federalismo”, è stato previsto nel programma di governo e tale deve rimanere. Il pensiero leghista si sintetizza così: “o si rispetta il patto o si va al voto“. «La situazione è difficile: per Berlusconi la strada è molto stretta – ha affermato duramente Bossi – se tutti i giorni deve andare a chiedere i voti a Fini e a Casini non dura molto».

Gianfranco Fini

Ormai la rabbia del leader leghista nei confronti di Fini è palese, tanto da fargli dire che  «Berlusconi doveva darmi retta, se si andava subito alle elezioni non ci sarebbero stati né Fini, né Casini né la sinistra. Ora la strada è molto stretta e se il premier deve andare tutti i giorni dal presidente della Camera e dal leader dell’Udc a chiedere i voti allora è dura, la strada diventa molto stretta». Bossi parla anche della provocazione di Gheddafi riguardo all’immigrazione sposandola appieno, mentre è stata duramente attaccata dall’ex leader di An. E per quanto riguarda la legge elettorale: «Riecco la banda Dc-Pci-Msi –ha, infatti, affermato Bossi – Fini ha venduto il suo partito e non deve dare lezioni a nessuno».

Affonda la lama anche il ministro dell’Interno Roberto Maroni «si dovrà valutare se andare avanti, Alleanza Nazionale assicura più gli interessi del Sud che della Padania e vuole un nuovo patto di maggioranza, ma se cade questa maggioranza – conclude Maroni  - si va dritti alle elezioni e il ministero dell’Interno è pronto a organizzarle in pochi giorni».

Foto | via http://tg24.sky.it; http://media.panorama.it; http://www.apcom.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews