La difesa dei bambini su Internet, un problema sottovalutato

Roma – Il 65% della popolazione italiana maggiorenne ritiene che debba essere vietata la visione di filmati pornografici su internet ai minori di 18 anni. Tuttavia solamente il 17% dei genitori con figli minorenni ha installato sul proprio computer adeguati sistemi di protezione della navigazione. E’ una delle criticità emerse da un’indagine nazionale presentata ieri a Roma e condotta dal centro Elis, ente che si occupa di attività non profit formative e di solidarietà sociale dal 1964.

 

Lo studio ha permesso di analizzare quale sia la consapevolezza da parte dei genitori sui pericoli di internet e se effettivamente vi è una conoscenza degli strumenti per proteggere i propri figli dalla visione di contenuti indesiderati. In questo senso solo la metà degli intervistati dichiara di conoscere i sistemi per impedire ai minori di accedere ai contenuti pornografici su internet. Il dato più interessante, e allo stesso tempo sconfortante, è rappresentato dal fatto che l’83% dei genitori di figli minorenni non ha installato alcun sistema di protezione.

 

Il quadro che ne emerge è quello di una società non realmente consapevole dei rischi connessi all’utilizzo del web da parte dei loro figli. Anzi sono gli stessi genitori che per primi utilizzano internet per creare un’identità digitale dei propri piccoli. Da un’intervista condotta su 2200 madri con figli minori di 2 anni emerge che l’81% ha messo su internet foto dei figli e il 5% ha creato un profilo Facebook dedicato. Il 23% dei minori è già sul web addirittura ancor prima della nascita, attraverso la pubblicazione dell’ecografia.

 

All’interno di questo quadro il ruolo degli educatori consiste nel selezionare le risorse adatte all’età evitando di lanciare i minori su internet senza paracadute. E se da un lato non bisogna demonizzare internet, dall’altro è importante non sottovalutare i pericoli che ne possono derivare per coloro che risultano essere i più indifesi, ovvero i minori.

 

Roberto Cassaro

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews