Juventus – Roma: il big match visto da un tifoso bianconero

Juventus - Roma: big match della 6a giornata di Serie A, sfida spettacolare di inizio stagione. Il punto di vista sulla partita di un tifoso bianconero

juventus32 Scudetti, 2 Champions League e ci fermiamo qua. Contro? Una gran bella squadra, che l’anno scorso ha mostrato un ottimo calcio, ha lottato per lo Scudetto ed è finita a soli 17 punti di distanza da noi. Pensare che con l’avvento degli americani la Roma possa dare filo da torcere alla Juventus e alle migliori squadre in Italia e in Europa negli anni a venire è una considerazione assolutamente naturale. Soldi e progetto, e poi questi corrono, giocano bene al calcio e hanno un allenatore, che te lo dico a fare, davvero in gamba.

BIG MATCH – La storia del calcio italiano ed europeo chiamata Juventus contro una grandissima nuova grande o presunta tale, che dall’alto dei suoi 3 Scudetti 3, e delle sue 9 Coppa Italia ha tanta di quella voglia di recuperare il terreno perduto da quando esiste il gioco del calcio. Juventus – Roma di domani è importante per noi tifosi bianconeri ma anche per quelli romanisti e rientra tra le partite più importanti della storia giallorossa a ben vedere, se si escludono ovviamente tutti i derby giocati contro la Lazio ogni anno, anche quando le due squadre lottavano per un dignitoso posto in Coppa Uefa/Europa League. Cose di casa Roma, nel senso Roma città, a Torino i pensieri sono altri. Ma del resto, come si dice, il passato è passato, conta il presente e il futuro prossimo, conta Juventus – Roma di domani, 5 ottobre 2014.

VINCERE E’ L’UNICA COSA CHE CONTA – Anche se, diciamocelo, a noi tifosi juventini cambierà mai la vita se dovessimo perdere contro la Roma? Si sta male anche a subire un gol in amichevole a luglio contro la rappresentativa Val d’Aosta per noi innamorati dei colori bianconeri, ovvio che ci rimarremmo, che domande. Certo è che la stagione è iniziata davvero da poco e c’è tutto un campionato davanti per recuperare tre punti alla corazzata giallorossa. Ma chiaramente dobbiamo puntare a vincere, affermare di essere i più forti: 3 Scudetti consecutivi non contano mica più, qua vogliamo vincere ancora e noi tifosi della Vecchia Signora lo sappiamo bene che vincere è l’unica cosa che conta.

ROMA, QUEL PICCOLO PROBLEMA – Evra o Asamoah, Llorente o Morata, le assenze di Pirlo – in panchina, ma vedi mai che Allegri lo schieri d’emblèe dopo le settimane d’assenza – e Barzagli poco contano alla fine, di fronte allo spettacolo che ci sarà allo Juventus Stadium domani, anche sugli spalti. Se la Roma gioca come ha mostrato in quest’ultimo anno ci complicherà la vita e potrà puntare all’impresa e non tornarsene a casa con un netto 0-3 come l’anno passato. Il fatto che abbiano perso anche in casa loro, sempre nel campionato scorso, conta poco, noi si era già matematicamente Campioni d’Italia. Un punto debole della Roma che potrebbe avvantaggiarci? Forse il fatto che, come ha dichiarato Francesco Totti – mica io, ma il Capitano – «il problema è che non abbiamo vinto niente finora». E se lo dice Totti…

juventus I PROTAGONISTI – Tatticamente parlando, Nainggolan e Pjanic possono dare un bel fastidio al nostro centrocampo che senza Pirlo potrà presentarsi in campo solo con Vidal, Marchisio e Pogba e allora vedremo un po’ come andrà a finire. Belle le sfide attacco-difesa, con il fantastico Manolas che dovrà occuparsi dell’altrettanto ottimo Tevez, sempre decisivo, o Bonucci che dovrà guardarsi dalle folate di Gervinho. Ci sarà da divertirsi, sarà quasi certamente una bella partita e alla fine, se non dovesse chiudersi in parità, vincerà il migliore, come del resto succede da sempre nella storia del calcio mondiale anche se vallo a spiegare agli antijuventini d’Italia. Da tifoso bianconero sono totalmente sincero nell’affermare che sarebbe importante che la Roma, con la forza della nuova società, continui nel suo processo di sprovincializzazione così da giocarsi ogni anno il titolo. La città di Roma, del resto, merita una squadra d’alta classifica tutti gli anni, non uno ogni sei.

LE BUONE ABITUDINI – Appuntamento a domani dunque, ore 18:00, tutti sul divano, al pub o allo stadio ma senza dimenticarsi che tanto poi mancherà un campionato intero e ci sarà tutto il tempo del mondo per esultare come si deve. A maggio, quando chi è abituato a vincere, i trofei non li sogna più ma li mostra ai tifosi prima di piazzarli serenamente in bacheca.

Gian Piero Bruno

@GianFou

foto: lapresse.it, calciomercato.com, juventus.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews