Juventus-Fiorentina secondo Montella. Quanto spaventano i bianconeri?

Le parole di Montella alla vigilia della prima di tre sfide affascinanti in dieci giorni che vedranno di fronte i rivali storici, Juventus e Fiorentina

montella

Vincenzo Montella

Juventus – Fiorentina sarà in assoluto la sfida dei prossimi dieci giorni. Prima il confronto in campionato, domani, poi la doppia sfida di Europa League, la prima a Torino e il ritorno a Firenze. Una sfida affascinante tra due squadre storicamente rivali. Ha parlato oggi Vincenzo Montella, allenatore della Viola, tentando di smorzare le polemiche attorno agli arbitri dopo la questione Borja Valero e le giornate di squalifica: «Devo pensare ad allenare. Devo pensare che avrò un giocatore più fresco in Europa League».

PAURA O NO? - Dove finisce il rispetto per l’avversario e inizia una normale paura per la forza della Juventus?: «La Juve è un club geneticamente forte con una storia vincente. È una partita che dà stimoli particolari, ma anche i calciatori sono consapevoli di questo e spero abbiano la volontà di fare risultato in uno stadio dove quest’anno la Juve vince sempre. Quello che mi aspetto è una gara che venga giocata con personalità. Mi piacerebbe una Fiorentina senza paura di dimostrare la propria idea di calcio».

LA GIOIA DELL’ANDATA – Impossibile dimenticare la partita dell’andata per Montella e tutti i tifosi viola, l’incredibile rimonta targata Rossi, oggi assente per infortunio: «La partita dell’andata? Ho fatto vedere quelle che faccio vedere di solito. Ho fatto vedere quelle che sono le caratteristiche dell’avversario, ma non ho fatto vedere la partita d’andata ai ragazzi. Tre sfide contro la Juve? Posso certamente dirvi che avrei preferito incontrare un’altra squadra in Europa League, ma sarà certamente un doppio confronto stimolante. Ci sta qualsiasi risultato contro la Juve. L’importante è avere coraggio e determinazione e se vogliamo arrivare sopra il quarto posto dovremo dimostrare proprio questo».

GLI ARBITRI VANNO CAPITI – E sugli arbitri Montella dichiara: «Vanno capiti perché se non si può protestare si deve stare zitti. Se non lo fai ti ammoniscono. Lo sappiamo sulla nostra pelle che non possiamo protestare. Impedire alla Juve di segnare in casa? C’è sempre una prima volta».

Gian Piero Bruno

@GianFou

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews