Jama Trio: dalla provincia al Pistoia Blues, senza social network

jama trio

Jama Trio (foto via: jamatrio.com)

La nostra epoca è dominata dai social network. Su questo c’è poco da discutere. Tutti ne siamo stati contagiati, e chi nega la loro influenza sulle nostre vite è proprio colui il quale non riesce a esimersi dal postare una foto dei propri piedi durante un weekend fuori porta in riva al mare; e che allo stesso modo non può fare a meno di condividere con il mondo intero le fattezze della pietanza che sta per divorare con gusto, seduto al tavolo di un ristorante alla moda, ovviamente e obbligatoriamente taggato anch’esso nel post da diffondere in rete.

ARTISTA? - Anche chi si impegna in una qualsiasi attività artistica, (senza nessuna distinzione, che sia musica, letteratura, pittura o fotografia) finisce spesso per essere risucchiato in un vortice di selfie, album fotografici, e post a ripetizione, per la maggior parte inutili e spesso irritanti. Il rischio è quello di distogliere l’attenzione del ricevente dalla stessa attività artistica, con il triste risultato di metterla in disparte, nonostante l’arte sia proprio la cosa che dovrebbe stare sempre al centro dell’universo di un artista o presunto tale.

Talvolta però accade che qualcuno riesce a non cadere nella trappola: è quello che successo a Jama Trio, una giovane band di talento proveniente dall’altomilanese, dedita a un’originale miscela di folk e blues. I tre ragazzi (Gianmario Ferrario – voce e chitarra, Massimo Allevi – basso, Francesco Croci – batteria) hanno da sempre snobbato i social network, aprendo unicamente un sito internet (www.jamatrio.com) e puntando su una promozione “vecchio stile”: concerti, concerti e ancora concerti.

INSTANCABILI – Con più di 80 live show in meno di due anni, 3 ep all’attivo e un album in uscita a fine anno, Jama Trio è riuscito nell’impresa di attirare l’attenzione su di sé grazie unicamente alla propria (ottima) proposta musicale, guadagnandosi infine una meritata vittoria al contest per la partecipazione al Pistoia Blues, dove si esibiranno di apertura alla Bandabardò, sabato 12 luglio. Un giusto tributo all’impegno di Jama Trio, una band che da anni porta avanti una proposta musicale senza i fronzoli e l’invadenza del web, puntando invece sulla propria musica: una soluzione che dovrebbe rappresentare la scelta più logica di tutte le band che vogliono proporre musica inedita. Ma purtroppo non sempre è così.

Per info e contatti

http://intoiletteualandpoor.bandcamp.com

www.jamatrio.com

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews