Istat: disoccupazione in calo a febbraio

istat disoccupazione febbraio (formiche.net)

L'Istat ha rilasciato i dati sull'occupazione a febbraio (formiche.net)

L’Istat ha rilasciato i dati riguardanti il mondo del lavoro di febbraio 2013: a fronte di un leggero calo della disoccupazione, compresa quella giovanile, i numeri assoluti delle persone senza un lavoro fisso che possa sostenerle rimangono spaventosi.

I numeri – La disoccupazione assoluta è scesa a febbraio: 11,6% contro 11,7% del mese precedente. Il valore, tuttavia, è in aumento di 1,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Scende anche il tasso di disoccupazione giovanile, che comprende i giovani tra i 15 e i 24 anni: il dato è comunque spaventoso e ammonta al 37,8%, con una diminuzione netta di 0,8 punti rispetto a gennaio ma un aumento di 3,9 punti percentuali se confrontato con l’anno precedente.
Gli occupati a febbraio sono cresciuti dello 0,2%: ora sono ben 22 milioni e 739mila, crescita che non riesce a compensare il calo generale annuo, attualmente all’1%. Un calo di 0,5 punti percentuali rispetto all’anno passato, ma cala anche il numero dei disoccupati rispetto al mese di gennaio 2013: -0,9%, equivalente a 28mila unità in meno.
Buona parte del merito di questo leggero recupero, probabilmente intangibile nella realtà, è dovuto all’occupazione femminile; il dato di crescita, infatti, è completamente da accreditarsi a questa frazione della popolazione, che gode anche di un maggior calo della disoccupazione. In parte il merito è delle lavoranti straniere e dell’allungamento della vita lavorativa, dovuto alla riforma Fornero; soprattutto il secondo fattore, quindi, è più un palliativo che un reale calo della disoccupazione.

L’EuropaIl livello di disoccupazione in Europa rimane costante al 12% anche per il mese di febbraio, un punteggio da record. Il dato racconta la situazione nell’Eurozona ma quello dell’Unione a 27 è poco meno desolante: 10,9%, l’equivalente di 26,338 milioni di persone. Il record di disoccupazione spetta alla Grecia (26,4%), seguita dalla Spagna (che segna il suo record con un 26,3%) e al Portogallo (17,5%). A guidare i paesi dove invece la disoccupazione è più bassa c’è l’Austria (4,8%), seguita da Germania (5,4%), Lussenburgo (5,5%) e Olanda (6,2%).

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews