Israele: la visita del Premier egiziano non ferma i raid su Gaza

Un palazzo distrutto a Gaza (tg24.sky.it)

Gerusalemme - Non si abbassa la tensione in Israele, dove continua l’operazione “Colonna della difesa”, che finora ha provocato 19 vittime tra i palestinesi. Continuano anche gli attacchi dalla Striscia verso il territorio dello Stato ebraico: quella che si avverte è una verta e propria atmosfera di guerra, soprattutto dopo che ieri, un missile ha colpito Tel Aviv rompendo un periodo di “quiete” per la Capitale che durava dal 1991.

Israele, per lanciare un segnale distensivo, si è impegnata a sospendere la sua offensiva durante la visita di tre ore del premier egiziano Hisham Kandil,che è già arrivato nella Striscia. Era stato Benjamin Netanyahu a dichiarare uno stop dei raid durante la visita di tre ore di Kandil nella Striscia, ma alcuni lanci di razzi dalla Striscia verso il territorio israeliano sono continuati anche durante la tregua e dopo poche ore anche gli attacchi aerei dell’Idf sulla Palestina sono ripresi.

Un portavoce del ministero dell’Interno di Hamas, la formazione radicale che controlla la Striscia, ha riferito che “durante la notte ci sono stati 130 raid” dell’aviazione israeliana. E’ stato distrutto anche un edificio amministrativo del dicastero, utilizzato soprattutto per i rinnovi dei passaporti. Colpiti poi sedi del governo e l’abitazione di un esponente di Hamas che non era in casa.
Da parte sua, l’esercito israeliano ha dato notizia di 11 razzi sparati da Gaza dalla mezzanotte scorsa.

E’ massima allerta nelle città dello Stato ebraico per paura di attentati. La polizia israeliana è stata mobilitata nella Città vecchia di Gerusalemme, per tentare di evitare che disordini possano verificarsi nella Spianata delle Moschee, soprattutto durante la preghiera del venerdì. Ovunque sono presenti posti di blocco e l’ingresso alla Spianata è oggi consentito solo ad adulti in possesso di carta d’identità israeliane.

In questa situazione il governo di Benjamin Netanyahu ha già richiamato 16mila dei 30mila riservisti a disposizione e la radio dell’esercito sostiene che “un’operazione di terra a Gaza si avvicina”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews