‘Il mistero dell’assassino misterioso’: Lillo e Greg al Cilea di Napoli tra ritmo e genialità

'Il mistero dell'assassino misterioso' continua a strappare risate anche 17 anni dopo. Lillo e Greg divertono e si divertono al Cilea di Napoli

1._Foto_Lillo_e_Greg_5819bc452d8a5-il-mistero-dell-assassino-misterioso

A diciassette anni dalla prima messa in scena, non ci sono più misteri irrisolti per Lillo e Greg. Quello del loro talento, a volte cassato dalle logiche televisive, si risolve infatti al meglio nel contatto diretto con il pubblico, dai tempi dei Latte e i suoi derivati alle messe in scena teatrali. E quello de “Il mistero dell’assassino misterioso” si è dissipato anche nelle 4 serate napoletane al teatro Cilea, tra le risate degli spettatori. Un testo che non soffre di vecchiaia, anzi: oggi più che mai sembra ancora più attuale.

Lo scimmiottamento farsesco dei gialli all’inglese, la rottura della quarta parete sin dalla prima scena, il sipario-non sipario trasparente che svela le ambizioni degli attori sulla scena. Artifici tecnici e registici che regalano divertimento e stupore e tengono incollati alle poltrone gli spettatori per i 90 minuti di atto unico della commedia. Lillo&Greg sono una macchina da comicità rodata, con Pasquale “Lillo” Petrolo a giocare la parte del guastatore disincantato e Claudio “Greg” Gregori a tenere le redini del gioco. Ma il cast risponde alle aspettative, con una superlativa Dora Romano nei panni della domestica Greta Gruzenzmeyer (e all’occorrenza flashback vivente della contessa assassinata), e i debordanti Danilo De Santis (il folle nipote Harry Worthington) e Vania Della Bidia (la femme fatale Margareth Worthington).

Fermarsi sulla trama è superfluo: il giallo ovviamente si risolverà, ma nel più inatteso dei modi possibili. Il detective Mallory-Greg e il bibitaro-Lillo si scambieranno i ruoli in un susseguirsi di gag e colpi di scena che non distoglieranno però l’attenzione dalla trama. Anzi: saranno gli stessi interpreti a mettere in guardia gli spettatori delle incongruenze della narrazione. Il tutto per mettersi in mostra agli occhi di un misterioso produttore seduto in platea, a caccia di un nuovo talento per la sua prossima opera.

Ironia, ritmo, regia incalzante e risate a crepapelle. Se non avete visto almeno una volta nella vostra vita “Il mistero dell’assassino misterioso“, sentitevi moralmente obbligati ad adempiere al rito.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews