Il debutto di Draghi alla Bce: tassi tagliati

Mario Draghi

Roma – Dalla Banca centrale europea, nel giorno del battesimo dell’italiano Mario Draghi a capo della Banca, arriva la notizia del taglio dei tassi di interesse di 0,25 punti in tutti i Paesi dell’area Euro, decisione che, ha sottolineato Draghi, è stata presa all’unanimità.

La decisione arriva inattesa dalla maggior parte degli analisti, soprattutto a causa del tasso di inflazione europeo che su base annua è al 3% e che quindi si colloca ben al di sopra del livello stabilito dalla Banca centrale europea.

Il taglio dei tassi di interesse rappresenta una netta inversione di rotta rispetto alla politica attuata dalla Bce degli scorsi mesi, durante i quali la Banca era più propensa ad alzare i tassi.

In pratica il taglio – che riguarda sia le operazioni di rifinanziamento principali, sia quelle marginali, sia sui depositi alla Banca centrale – rappresenta una lieve boccata d’aria per famiglie e aziende perché riduce i costi di accesso al credito, favorendo, sul breve periodo, soprattutto la crescita aziendale.

Positiva la risposta di Piazza Affari, con la salita dell’Euro e dei principali titoli italiani, e anche le altre borse mondiali rispondono bene, anche grazie alla notizia che il referendum in Grecia non si svolgerà.

Favorevole al taglio della Bce anche il Fondo monetario internazionale, sottolineando che la decisione rappresenti un sintomo della grave prospettiva in cui è inserita l’Eurozona.

Francesca Penza

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews