Il cioccolato? Può far dimagrire

Il cioccolato che sia fondente, al latte, bianco o nelle sue più golose varianti, è da sempre uno dei cibi ai quali difficilmente è possibile resistere. Ma perché farlo?

Spesso questo alimento viene etichettato come tra quelli più dannosi e pericolosi per la nostra linea. Secondo una ricerca americana però, questo non è vero.

La notizia non poteva arrivare in un momento migliore, visto che tra poco sarà Pasqua che porterà con sé tanti dolci tipici, tra cui le immancabili uova di Pasqua, pensate per i più piccoli, ma apprezzate anche dai più grandi.

La University of California di San Diego ci informa quindi, di non sentirci troppo in colpa quando mangiamo del buon cioccolato.

Secondo il gruppo di ricercatori che ha preso parte a questo studio, chi consuma regolarmente cioccolato o prodotti a base di cacao, tende ad avere un indice di massa corporea più basso rispetto alla media. Secondo gli studiosi in particolare, mangiare cioccolato almeno due volte alla settimana, aiuterebbe a ridurre il deposito di grassi, innescando un meccanismo che permetterebbe addirittura di assottigliare il proprio girovita.

«Il cioccolato ha già dimostrato di avere effetti positivi sulla pressione sanguigna, sulla sensibilità all’insulina e sui livelli di colesterolo, ha dichiarato Beatrice A. Golomb, principale autrice dell’articolo pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicine.

Partendo da questo dato, si è pensato che anche l’indice di massa corporea (il rapporto tra il peso in chili e il quadrato dell’altezza in metri) potesse trarre qualche beneficio o vantaggio dal consumo di cacao.

«Il Bmi è uno dei tasselli che compongono la sindrome metabolica (MetS), patologia caratterizzata da un elevato rischio cardiovascolare e nella quale concorrono diversi fattori» ha precisato la studiosa.

«Per il nostro studio – prosegue ancora la Golomb – siamo partiti dall’osservazione che alcuni di questi fattori si associano positivamente a un modesto consumo di cioccolato. Così abbiamo messo alla prova la nostra ipotesi, scandagliando il rapporto tra dosi di cioccolata e indice di massa corporea».

I ricercatori dell’università californiana, capitanati dalla Golomb hanno preso in esame un campione di 1.018 uomini e donne di età compresa tra i 20 e gli 85 anni; nessuno dei candidati soffriva di malattie cardiovascolari, diabete o alti livelli di lipoproteine a bassa densità (il cosiddetto “colesterolo cattivo”).

Il 68% dei partecipanti era composto da uomini, età media 57 anni e indice di massa corporea attorno a 28, ossia in leggero sovrappeso a dispetto di un’attività fisica abbastanza consistente (in media 3 volte alla settimana per almeno 20 minuti). Tutti i partecipanti hanno risposto ad un questionario che facesse emergere le loro abitudini alimentari e la familiarità con lo sport.

I dati statistici hanno dato ragione ai consumatori di cioccolato.

«Abbiamo osservato che chi aveva mangiato cacao con più frequenza (almeno due volte alla settimana) presentava un valore di Bmi più basso rispetto a chi ne aveva assunta di meno», ha spiegato ancora Golomb.

In particolare, lo scarto di peso tra chi aveva dichiarato di concedersi cioccolata ben cinque volte in sette giorni e chi mai variava tra i 2,5 e i 3,5 chilogrammi di differenza. A vantaggio però, al contrario di quello che ci si potrebbe aspettare,dei più golosi.
Questa analisi, che fin dall’inizio è stata caratterizzata da numerosi dubbi circa la sua veridicità, è stata ripetuta su diversi modelli, arrivando così a poterla confermare con certezza.

In sostanza, i consumatori abituali di cioccolata hanno, in media, un indice di massa corporeo più basso rispetto agli altri.

«Lo studio – avvertono i ricercatori – non esclude la possibilità che alcuni cibi contenenti cioccolato possano in realtà aumentare l’indice di massa corporea, o che questo possa avvenire in alcuni profili di consumo/soggetti particolari».

In attesa di ulteriori conferme allora, è bene consumare cioccolato, ma sempre in maniera moderata.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews