Il Cile riapre il caso Allende

Il Presidente cileno Salvador Allende

Era l’11 settembre 1973 quando il Presidente cileno Salvador Allende morì. Due le versioni ufficiose: una prima racconta che fu assassinato dai militari, mentre difendeva armi alla mano il palazzo presidenziale; la seconda, fino ad oggi la più accreditata, racconta che il “Primer Mandatario” si suicidò con un tiro del suo AK-47, regalatogli due anni prima da Fidel Castro.

Versioni ufficiose perché fino ad oggi non si era mai fatta alcuna indagine in proposito, che potesse permettere di svelare la verità.

Negli scorsi giorni, per la prima volta, la giustizia cilena ha deciso che ci sarà un’investigazione in merito, partendo dalla richiesta della “Corte de Apelaciones” di Santiago del Cile. Il caso sarà investigato insieme ad altri 721 casi di possibili violazioni dei diritti umani da parte dei militari, durante la dittatura.

Piccola nota storica: Salvador Allende fu il primo presidente socialista a farsi portavoce dell’esperimento della sinistra latino-americana. Giunto democraticamente al potere il 4 novembre del 1970, fu Presidente per 1000 giorni.

Plinio Limata

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews