Igiene, quando lavarsi (troppo) fa male

Milano – Gli uomini, si sa, sono meno avvezzi all’uso del sapone rispetto alle donne, o per lo meno dedicano generalmente meno tempo alla cura del proprio corpo. Ma non è detto che questo possa essere uno svantaggio a livello di salute: diverse ricerche dimostrano come lavarsi troppo faccia male. Una pulizia esagerata della pelle, spiegano gli esperti, può alterare le barriere protettive della cute e il suo stato di idratazione, favorendo l`insorgenza di secchezza (xerosi), irritazione (dermatite irritativa) e fissurazione della pelle (ragadi). A questo si aggiunge poi il rischio di sviluppare una predisposizione superiore ad allergie da contatto e funghi.  Lavare la pelle tutti i giorni determina quindi l’eliminazione dello strato idrolipidico che la protegge e può portare a problemi maggiori rispetto all’imbarazzo che si può avere quando il corpo emette un odore non propriamente attraente.

 

Ma come fare allora per salvaguardare la salute e allo stesso tempo evitare di perdere tutti i nostri amici a causa di un olezzo a dir poco ripugnante? Come sempre la soluzione consiste nel non adottare soluzioni drastiche. Lo scopo del lavaggio consiste nel rimuovere lo sporco dalla pelle, ossia l’insieme di sostanze come grassi, polvere, sebo e sudore. La sporcizia è quindi composta da sostanze idrosolubili, rimuovibili semplicemente tramite acqua, e sostanze liposolubili che necessitano di detergenti. Per evitare il rischio di secchezza o dermatiti irritative, questi ultimi non devono essere troppo aggressivi. Vi sono poi delle elementari regole da seguire: non eccedere nelle quantità, rimuovere sempre i residui di sapone  tener conto che ad ogni tipo di pelle corrisponde il giusto prodotto. In linea generale occorre poi evitare saponi con sostanze profumanti o conservanti, soprattutto in caso di pelli sensibili.

 

Anche per il lavaggio dei denti vale lo stesso principio: spazzolare ma senza esagerare, onde evitare danni maggiori. Una spazzolatura troppo energica può portare ad un’erosione dello smalto che non ricrescerà più, provocando denti sensibili ed altri problemi orali. Inoltre bisogna sfatare il mito secondo cui è importante risciacquare i denti dopo averli lavati. Il risciacquo elimina il fluoruro lasciato dal dentifricio che aiuta a proteggere i denti e che invece andrebbe mantenuto in bocca per garantire qualche ora in più di pulizia.  

 

Lavarsi troppo, o troppo spesso, fa male alle nostre barriere protettive (film idrolipidico sulla pelle e smalto sui denti). Occorre quindi evitare la cosiddetta “ansia da pulizia” secondo la quale si sente il bisogno di fare una doccia dietro l’altra per sentirsi a posto. Tuttavia, se dopo aver letto questo articolo vi viene la tentazione di limitare ad una sola volta alla settimana la pulizia del corpo pensateci bene, soprattutto ora che comincia a fare caldo. Se è vero che le amicizie si possono avere anche online, è altrettanto vero che ogni tanto un po’ di contatto umano non guasta. E allora basta adottare il giusto equilibrio per salvaguardare salute e relazioni sociali.

                                                                                                                       Roberto Cassaro

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews