I postumi della sbronza si alleviano al “bar del dopo sbornia”

Al "bar del dopo sbornia" ci si può rilassare e reidratare dopo una serata movimentata e alcolica. Trenta minuti di terapia, però, possono costare 160 dollari

bicchieri-birraDiversi studi hanno dimostrato che bere birra fa bene, se bevuta moderatamente, in barba alla famosissima e temutissima “pancetta”. Ma se non siete tra quelli che bevono birra moderatamente e, anzi, vi piacciono le serate movimentate e alcoliche, allora questo bar fa al caso vostro: il bar del dopo sbornia.

IL MALESSERE DEL DOPO SBORNIA – Mal di testa, inappetenza, ipersensibilità a luci e rumori: sono i comuni quanto tremendi effetti del post sbornia. Ma se non volete più sentirvi così dopo una serata passata a bere con gli amici, allora la soluzione è il bar del dopo sbornia, nato (com’era ovvio) negli Stati Uniti.

I BAR DEL DOPO SBORNIA – Il bar per il dopo sbornia è un luogo dove rilassarsi e reidratarsi attraverso una flebo di soluzione salina mista a vitamine. In America, infatti, sta letteralmente spopolando la nuova moda del bar salutista, dopo i chioschi che vendono solo succhi di frutta e i rivenditori di frappè alle vitamine.

Un bar che offre ai propri clienti “terapie” veloci contro le sbronze

L’idea di base è quella di un moderno centro benessere che permetta alle persone di “curare” i postumi di una sbronza attraverso la terapia dell’idratazione. Peccato che questa terapia new age non sia adatta a tutte le tasche: infatti, tre minuti di trattamento costano tra i 110 e i 160 dollari. In ogni caso, negli Stati Uniti, questo genere di locali sta spopolando: ce ne sono a Tampa, in Florida, a Las Vegas e a New York. I gestori promettono di curare diversi mali: dal mal di testa del dopo sbronza ai raffreddori.

A New York City The Doc IV promette di curare i propri pazienti fino a casa: Adam Nadelson, questo il nome del medico, racconta che la maggior parte dei suoi clienti lo cerca per la terapia dell’idratazione, cioè per il dopo sbronza.

A Tempa invece è nato L’HangOVer Bar e il medico fondatore, il dott. Uhuru Smith, durante una intervista alla rete televisiva Nbc, ha spiegato il suo punto di vista: «Il concetto è quello di offrire un luogo in cui la gente si possa recare per sentirsi meglio, non solo dopo una sbornia ma anche per altri disturbi come il mal di testa, il mal di denti o un raffreddore». A Las Vegas invece troviamo l’Hangover Heaven, che offre gli stessi servizi.

Non tutti però sono d’accordo sull’efficacia di queste “terapie”: un medico del Ronald Reagan UCLA Medical Center, Mark Marocco, si è chiesto come possa una persona pagare tanto per farsi infilare un ago in vena, quando basterebbe un bicchiere di brodo di pollo caldo a casa propria.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Foto: www.google.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews