Hai tatuaggi e piercing? Bevi più alcolici

Purtroppo non si tratta di uno stereotipo. È dimostrato che chi ha tatuaggi e piercing è più esposto al rischio di abusare di sostanze alcoliche. A portare questi risultati è stato uno studio condotto dai ricercatori dell’università della Bretagna del Sud, che hanno analizzato le abitudini dei francesi nei confronti delle bevande superalcoliche. Si tratta di un trend davvero particolare che però sembra essere davvero realista.

Cercando di limitare i possibili stereotipi che si potrebbero rafforzare con i risultati di questo studio, si può affermare che con l’aumentare dei tatuaggi e dei piercing sul proprio corpo, aumenterebbe anche la quantità di alcool che si è disposti a bere. È necessario per tanto utilizzare questi dati solamente come base per una corretta individuazione delle persone che potrebbero essere riconosciute come a rischio di alcolismo.

Lo studio è stato condotto dal professor Nicolas Guéguen, docente di scienze sociali all’università della Bretagna del Sud e verrà pubblicato nel mesi di luglio sulla rivista specializzata Alcoholism: Clinical and Experimental Research.

Ma come è stato condotto lo studio? Si è trattato di un lavoro sul campo: i ricercatori infatti hanno lavorato raccogliendo dati e campioni fuori dai locali notturni, di sabato sera per circa un mese. Sono stati presi in considerazione circa tre mila persone, alle quali è stato domandato una volta usciti dai locali, di sottoporsi ad un alcool test; gli stessi hanno poi risposto alle semplici domande poste dai ricercatori, che chiedevano loro quanti tatuaggi e piercing avessero.

I risultati hanno provato che chi consumava più alcool, era proprio chi aveva più tatuaggi e piercing sul proprio corpo.

Il professor Nicolas Guéguen ha così commentato la ricerca: «Diversi studi precedenti hanno associato la presenza di tatuaggi e piercing sulla pelle a una maggior probabilità di assumere comportamenti a rischio, come il sesso non protetto, risse, furti. I nostri dati indicano che aumenta anche la tendenza a bere in abbondanza, ma questo non dovrebbe servire a fomentare pregiudizi, anzi: genitori, medici ed educatori dovrebbero sapere che tatuaggi e piercing sono una specie di “marcatore” dell’uso di alcol e in base a questo provare a parlare con i giovani per prevenire abusi e comportamenti ad alto rischio».

I risultati della ricerca verranno utilizzati come un punto di partenza per dare vita a degli interventi di prevenzione nei confronti di chi consuma troppi alcolici, con il rischio di poter cadere nel circolo vizioso dell’abuso di alcool.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews