Gustav Klimt: anche google augura buon compleanno

Il Bacio di Klimt

Non c’è giorno in cui ormai, accendendo il computer e imbattendosi nel diffuso motore di ricerca Google, non si riceva una piccola lezione di storia – o di storia della cultura – grazie ai doodle che Microsoft crea e dedica a grandi eventi o personaggi. In questo 14 luglio 2012 il festeggiato d’eccezione è l’artista austriaco Gustav Klimt, nato a Vienna nel 1862, proprio nell’anniversario della presa della Bastiglia.

Non è quindi solo un semplice compleanno per il padre della Secessione viennese e dello Jugendstil (conosciuto anche come Art Noouveu, Liberty o stile floreale), ma una ricorrenza speciale perchè cadono i 150 anni del genetliaco e ciò non è certo passato inosservato ai suoi conterranei contemporanei. Vienna sta infatti vivendo un 2012 all’insegna delle celebrazioni klimtiane, con una serie di rassegne, eventi e mostre in cui l’opera e la personalità di Klimt vengono analizzate e sviscerate nei dettagli: la capitale ha già visto numerosi appuntamenti con il genio creativo del suo illustre cittadino e negli ultimi mesi anche Milano gli ha dedicato un’esposizione allo Spazio Oberdan.

Il doodle odierno riprende una delle opere più note di Klimt, quel famoso Bacio che l’artista realizzò tra 1907 e 1908 usando l’oro che tanto amava per illuminare i suoi dipinti, segno inequivocabile – insieme a certe textures decorative – della passione per l’antica arte musiva ravennate.  In quegli anni Klimt era già un artista affermato, anche se controverso e come tutti gli innovatori spesso (e severamente) criticato, e allo stesso periodo risalgono capolavori come il Fregio per Palazzo Stoclet (terminato nel 1909), una delle versioni del  Ritratto di Adele Bloch-Bauer  (1907), la bellissima Danae (1907-1908).

Godiamo quindi del bagliore della tela di Klimt attraverso lo schermo del pc e, non potendo rinunciare al piacere di una visione dal vivo, abbagliante e spettacolare, si ricorda che il dipinto è conservato alla Österreichische Galerie Belvedere di Vienna insieme ad altri quadri, in collezione permenente e non, riuniti per la Jubilaeumaustellung (mostra del giubileo) in onore dei 150 anni di un maestro dell’arte del XIX e XX secolo.

Laura Dabbene

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews