Guerra all’Isis, storico incontro tra Cameron e Rouhani

Nella giornata di oggi è previsto lo storico incontro tra il Premier inglese Cameron e il Presidente iraniano. Tanti argomenti per un meeting complicato

cameronDowning Street ha annunciato per  oggi un’incontro ufficiale tra il premier britannico Cameron e  il Presidente iraniano Rouhani . Si tratterà di un momento storico, il primo meeting bilaterale tra queste due figure dal 1979, anno della rivoluzione che trasformò la Monarchia persiana nell’attuale Repubblica islamica.

DOPO IL RIFIUTO – L’incontro avverrà a margine dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, e servirà per sondare la disponibilità dell’Iran ad unirsi alla coalizione internazionale anti-Isis, in seguito al rifiuto posto dall’ayatollah Komeini alla richiesta di collaborazione proveniente da Washington.

SCAMBIO COL NUCLEARE – Con ogni probabilità, durante l’incontro Cameron proverà a giocarsi la carta ‘nucleare’, per convincere l’Iran a collaborare. Il Primo ministro inglese ha già confermato la  sua disponibilità su questo punto, ma solamente nel caso in cui il governo iraniano «mostrerà flessibilità e sarà realistico riguardo lo scopo futuro del suo programma nucleare»

LO SCETTICISMO DI ROUHANI – Dal canto suo, Rouhani si è mostrato scettico in relazione alla scelta statunitense di attaccare l’Isis senza inviare soldati sul campo. «Vogliono usare gli aerei  in modo tale che nessun americano venga colpito, ma è veramente possibile combattere il terrorismo senza alcun sacrificio? – ha affermato il Presidente iraniano dal palazzo presidenziale – In tutte le questioni regionali e internazionali, vince chi è disposto a fare sacrifici».

CONTRASTO SULLA SIRIA – Il passaggio più difficile dell’incontro sarà senza dubbio rappresentato dalla questione siriana. Cameron ha già chiarito che l’Iran deve abbandonare Assad, che, nelle parole di Downing Street «ha creato le condizioni che hanno permesso al terrorismo di prosperare». Totalmente diverso  il punto di vista di Rouhani, che ha più volte ribadito la necessità di un’autorizzazione da parte dello Stato siriano, prima di poter effettuare bombardamenti sul suo territorio.

INCONTRI FUTURI – Per Cameron questo sarà solamente il primo di una serie di incontri diplomatici. Giovedì il Primo ministro inglese vedrà il Presidente egiziano Al-Sisi, con il quale affronterà la possibile collaborazione tra i due Paesi. Infine, incontrerà i dirigenti di alcune grandi aziende americane, per discutere alcuni dettagli del futuro accordo commerciale tra Ue e Stati Uniti.

 

Carlo Perigli
@c_perigli

foto: bbcimg.co.uk

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews