Governo Monti, l’identikit dei ministri

Un governo tecnico, annunciato e realizzato. Ma chi sono, cosa facevano (o fanno) gli attuali componenti del governo Monti che alle 17 giurerà sulla Costituzione nella sala del Quirinale? Scopriamolo assieme.

Corrado Passera (adnkronos.com)

Corrado Passera, ministro dello Sviluppo e delle Infrastrutture. Nato a Como il 30 dicembre 1954. Banchiere e manager italiano, ha ricoperto in carriera diversi incarichi di responsabilità in settori industriali, finanziari e dei servizi. Amministratore delegato e generale del Banco Ambrosiano e Veneto, ad di Poste Italiane prima e Banca Intesa poi. Risulta tra gli artefici dell’accorpamento tra Banca Intesa e Sanpaolo IMI, banca numero uno in Italia per numero di sportelli.

Giampaolo Di Paola, ministro della Difesa. Nato a Torre Annunziata il 15 agosto 1944, ammiraglio, attuale Presidente del Comitato Militare della NATO. Ha ricoperto il ruolo di capo di stato maggiore della difesa tra il 2004 e il 2008. Insignito di diverse onoreficenze militari, tra cui quella di Grande ufficiale dell’ordine militare d’Italia e Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana.

Anna Maria Cancellieri, ministro dell’Interno. Nata a Roma nel 1934, prefetto. Laureata in Scienze Politiche, nel 1994 è commissario a Parma. È stata prefetto di Vicenza, Bergamo, Brescia, Catania e Genova. Commissario al Teatro Bellini di Catania e commissario prefettizio a Bologna.  Dal 20 ottobre 2011 commissario prefettizio a Parma.

Paola Severino, ministro della Giustizia. Prima donna nella storia d’Italia a ricoprire il ruolo di Guardasigilli. Napoletana, avvocato penalista e consulente di società, banche e associazioni di categoria, è stata membro di commissioni ministeriali per la riforma della legislazione penale e processuale ed è vice Rettore della Luiss. Ha lavorato nello staff di Giovanni Maria Flick, ministro della Giustizia nel governo Prodi. Dal luglio del 1997 fino al luglio 2001 è stata Vice Presidente del Consiglio della Magistratura Militare.

Giulio Terzi di Sant’Agata, ministro degli Esteri. Nato a Bergamo il 9 giugno 1946, diplomatico e ambasciatore italiano. Laureato in giurisprudenza, specializzato in diritto internazionale. Ha ricoperto in passato diversi incarichi attivine di consulenza presso il ministero degli Affari Esteri, tra cui il ruolo di Consigliere Politico presso la Rappresentanza d’Italia presso la NATO, in un periodo particolarmente impegnativo segnato dalla fine della guerra fredda, dalla riunificazione della Germania e dalla prima guerra del Golfo. Dal 20 agosto 2008 al 30 settembre 2009 Terzi è stato Rappresentante Permanente d’Italia alle Nazioni Unite a New York dove ha guidato la delegazione italiana al Consiglio di Sicurezza durante l’ultimo periodo del biennio italiano come membro non permanente nel 2007-2008 concentrandosi in particolare su Afganistan, questioni umanitarie e protezione dei civili nei conflitti.

Elsa Fornero (123people.it)

Elsa Fornero, ministro del Welfare con delega alle Pari Opportunità. Nata il 21/08/1945, economista, bancaria e docente italiana. È considerata la principale esperta in materia previdenziale in Italia. Ha ricoperto l’incarico di Vicepresidente del consiglio di sorveglianza del gruppo Intesa San Paolo.

Francesco Profumo, ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca. Nato a Savona il 3 maggio 1953, ingegnere e docente universitario. Rettore del Politecnico di Torino dal 2005, attualmente Presidente di Columbus, del Forum Torino e del Panel 09 del Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca (CIVR) del MIUR. Il 12 aprile 2011 è stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia. Svolge ruoli di Consigliere per Il Sole 24 Ore e Pirelli. Il 13 agosto 2011 è stato nominato Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Lorenzo Ornaghi, ministro per i Beni culturali. Villasanta, 25 ottobre 1948, rettore dell’Università Cattolica di Milano. Attualmente è direttore dell’ASERI (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali), direttore della rivista Vita e pensiero, vicepresidente del quotidiano Avvenire, vicepresidente della Fondazione Vittorino Colombo di Milano, membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Policlinico IRCCS di Milano. Dal 2001 al 2006 è stato presidente dell’Agenzia per le Onlus.

Renato Balduzzi, ministro per la Salute. Nato a Voghera il 12 febbraio 1955, laureato in giurisprudenza. Dal 2007, direttore del Centro di eccellenza interfacoltà di servizi per il management sanitario. È stato consigliere giuridico dei ministri della Difesa (1989-1992), della Sanità (1996-2000) e delle Politiche per la famiglia (2006-2008). Ha ricoperto l’incarico di Capo dell’ufficio legislativo del ministero della Sanità dal 1997 al 1999, presiedendo altresì la Commissione ministeriale per la riforma sanitaria. Dal 2009 è presidente del Nucleo di valutazione dell’Azienda ospedaliero-universitaria ‘Maggiore della Carita” di Novara e, dal 2006, del Comitato di indirizzo dell’Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna. E’ presidente dell’Agenas dal febbraio 2007.

Mario Catania, ministro delle Politiche Agricole e forestali. Nato a Roma nel 1952, proviene proprio dal Mipaaf nel quale ha ricoperto il ruolo di capo Dipartimento delle politiche agricole e internazionali. Laureato in giurisprudenza, percorso professionale votato alla pubblica amministrazione. Vince il concorso per dirigente a 36 anni, dirige vari settori tra cui quello del latte e della qualità dei prodotti.

Corrado Clini, ministro per l’Ambiente. 64 anni, laureato in medicina del lavoro e in igiene e sanità pubblica, è’senior research fellow ad Harvard ed autore di oltre 40 pubblicazioni scientifiche. Negoziatore climatico per l’Italia in campo internazionale (nell’ambito della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), è l’uomo che tiene insieme le aziende attorno all’idea di sviluppo sostenibile.

Enzo Moavero Milanesi, ministro senza portafoglio agli Affari Europei. Attualmente ricopre l’incarico di giudice presso la Corte europea di Giustizia di Lussemburgo. 57 anni, specializzato in antitrust, è stato fino al 2006 direttore generale del Bureau of European Policy Advisors della Commissione europea. Vice segretario generale dell’esecutivo Ue dal 2002 al 2005,  in precedenza direttore del Servizio Antitrust (2000-2001), e capo di gabinetto dell’allora commissario Ue alla Concorrenza Mario Monti (1999-2000).

Piero Gnudi (corrieredibologna.corriere.it)

Piero Gnudi, ministro senza portafoglio al Turismo e Sport. Nato a Bologna il 17 marzo 1938, dirigente d’azienda, ex presidente dell’Enel. Consigliere di Amministrazione di Unicredit, è membro del Consiglio Generale e della Giunta direttiva di Assonime, del Comitato Esecutivo e del Consiglio Generale dell’Aspen Istitute, del Comitato Direttivo del Consiglio per le Relazioni tra Italia e Stati Uniti.

Fabrizio Barca, ministro senza portafoglio per la Coesione territoriale. Laureato in Scienze statistiche e demografiche all’Università di Roma; master of Philosophy in Economia all’Universitá di Cambridge e visiting professor presso le Università Mit e Stanford. Docente nelle Università di Siena, Bocconi, Roma ‘Tor Vergata, Modena, Urbino, è anche a capo del dipartimento delle Politiche di Sviluppo del ministero dell’Economia e delle Finanze. Esperienza specifica: dal 1998 ha contribuito, al ministero del Tesoro, agli studi sullo sviluppo economico italiano e alla rifondazione delle politiche territoriali di sviluppo, studi che prima aveva condotto presso la Banca d’Italia come direttore di Area.

Piero Giarda, ministro senza portafoglio per i Rapporti con il Parlamento. Laureato in economia e commercio nell’Università Cattolica di Milano nel 1962, ha studiato nelle Università di Princeton e Harvard nel periodo 1965-69. È responsabile del Laboratorio di Analisi Monetaria dell’Università Cattolica. Componente del Comitato direttivo della scuola per il dottorato in Economia e finanza delle amminsitrazioni pubbliche. Ha svolto attività di consulenza alla Presidenza del Consiglio e al Ministero delle Finanze. Vice-Presidente della Fondazione Milano per la Scala Presidente della Fondazione Internazionale Monte Rosa Componente del Consiglio di amministrazione del Teatro dell’Opera di Roma, Collaboratore de “La Voce”, socio di “ASTRID” e dell’Aspen Institute. Responsabile del progetto di ricerce tra Regione Lombardia e Università Cattolica su: “il federalismo fiscale”.

Andrea Riccardi, ministro senza portafoglio per la Cooperazione internazionale. Romani, 61 anni, era dato in odore di incarico al ministero dei Beni culturali. Fondatore e leader della Comunità di Sant’Egidio, l’«Onu di Trastevere» protagonista negli ultimi trent’anni di incontri per il dialogo e la pace all’insegna dell’ecumenismo, Andrea Riccardi è considerato uno dei laici più autorevoli del panorama religioso internazionale. Riccardi è uno storico affermato, ordinario di Storia contemporanea all’Università di Roma Tre, autore di numerosi saggi. La rivista Time nel 2003 lo ha inserito nell’elenco dei trentasei eroi moderni d’Europa, coloro che si sono distinti per il proprio coraggio professionale e impegno umanitario.

Francesco Guarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews