Formula 1, il GP di Francia deve aspettare

L'ultimo GP di Francia si è concluso con una doppietta Ferrari

Parigi – Felipe Massa in prima posizione che taglia il traguardo davanti a Kimi Raikkonen e Jarno Trulli. Ci eravamo lasciati così, nel 2008 a Magny Cours, l’ultima edizione del GP di Francia all’interno del campionato del mondo di Formula 1. Gli organizzatori della corsa tra conti in rosso e pressioni da parte di Bernie Ecclestone decisero di ritirare il tracciato francese dal Circus iridato. Negli ultimi mesi, però, la Francia aveva espresso il desiderio di candidarsi nuovamente per ospitare una tappa del campionato del mondo, non a Magny Cours come eravamo abituati, ma sul circuito del Paul Ricard, di proprietà dello stesso Ecclestone, boss della F1.
Se inizialmente il vero problema sembrava essere l’affollamento di gare nel campionato del mondo e si era così concretizzata l’idea di un’alternanza annuale tra il GP di Francia, con un’altra corsa, probabilmente quella del Belgio, notizia che ha scaldato e non poco gli animi dei tifosi e degli organizzatori della gara di Spa, che non sarebbero propensi ad accettare i turni, a distanza di pochi mesi il grattacapo principale sembra essere diventata la crisi economica che sta affliggendo il mondo intero.

Per la Francia, il fatto che possa vantare sulla griglia di partenza di questa Formula 1 la presenza di tre piloti con passaporto transalpino come Romain Grosjean su Lotus, Jean-Eric Vergne su Toro Rosso e Charles Pic su Marussia, non basta. Il primo ministro francese, François Fillon, si è esposto in prima persona per questa faccenda, specificando come, in questo particolare momento di crisi finanziaria, il governo francese non ritiene corretto sovvenzionare un Gran Premio di Formula 1: «Non ci è possibile organizzare un GP ogni anno e per questo motivo stiamo lavorando sulla possibilità di ospitare la Formula 1 a Le Castellet un anno si e un anno no, alternandoci con un’altra nazione», ha spiegato il primo ministro ai media locali.
Sempre Fillon, ha aggiunto di essere vicino ad un accordo con Ecclestone anche se le richieste del boss della F1, rimangono ancora lontane con le effettive entrate dell’organizzazione a disposizione per la realizzazione dell’evento, a dimostrazione della grande voglia della Francia di tornare nel calendario della classe regina del Motorsport.

Se la situazione reale è questa, è difficile pensare a una gara transalpina già nel 2013, come si era largamente previsto nei mesi scorsi, mentre sembrerebbe essere più reale un inserimento in chiave 2014: l’unica soluzione è trovare il denaro necessario al finaziamento della corsa entro la fine dell’anno, periodo nel quale viene reso noto il calendario della stagione successiva.

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews