Festival di Cannes: apre domani la 65a edizione

Il logo del Festival

Cannes – Le elezioni presidenziali in Francia hanno costretto a far slittare un po’ in avanti nel mese il tradizionale appuntamento con il Festival del cinema di Cannes, ma ora è giunto davvero il momento e da domani mercoledì 16 maggio, fino al prossimo 27, nella splendidà località della Costa Azzurra arriveranno altri splendori (si spera): le star e i film in concorso e non.

Il primo vero splendore di questa 65a edizione del Festival è però lei, ‘la diva’ per eccellenza, Marilyn Monroe, cui la rassegna è dedicata a ricordo della scomparsa nell’estate di 50 anni fa: sul poster ufficiale di Cannes 2012 l’attrice è ritratta mentre spegne una candelina, omaggio al mezzo secolo che oggi – è quasi certo – avrebbe portato mantenendo il fascino del suo momento d’oro. Ma la bellezza sulla croisette sarà leit motiv anche guardando al presente a partire dalla madrina, l’attrice francese Bèrènice Bejo.

L’attesa non è tuttavia riservata solo alle dive (e ai divi, per par condicio) e molti cinefili saranno forse più sensibili al fascino delle pellicole a partire da quella d’apertura, Moonrise Kingdom di Wes Anderson. Insieme al lungometraggio del regista statunitense altri 19 saranno ufficialmente in concorso, selezionati da direttore del Festival tra oltre 2.000 film provenienti da tutto il mondo; sono entrati nella rosa che mira alla Palma d’oro molti prodotti europei a partire naturalmente da quelli francesi (come Holy Motors di Leos Carax, Amour di Michael Haneke, Vous n’avez encore rien vu di Alain Resnais, la coproduzione franco-belga De rouille et d’os di Jacques Audiard), anche se ci sono voci che parlano altre lingue cinematografiche: per l’Italia Matteo Garrone e il suo  Reality, dalla Romania Beyond the Hills di Cristian Mungiu, dall’Austria Paradies: Liebe di Ulrich Seidl e dalla Danimarca Jagten di Thomas Vinterberg.

 Numerose le co-produzioni internazionale per le pellicole di cineasti affermati – Cosmopolis di David Cronenberg (Francia/Canda/Portogallo e Italia), Like Someone in Love di Kiarostami (Francia/Iran/Giappone) o The Angel Share di Ken Loach (GB/Francia) – e poi esempi di cinematografia contempranea dall’Egitto, dalla Corea del Sud, dalla Nuova Zelanda.

Il programma del Festival non si ferma naturalmente ai film in concorso, su cui sarà chiamata ad esprimersi la giuria presieduta da Nanni Moretti, ma diverse sezioni collaterali – dai Fuori Concorso ai lungometraggi del gruppo Un certain regard – animeranno la settimana. In attesa dei contributi della nostra Redazione sull’evento il modo migliore per esplorare virtualmente il Festival è il sito web ufficiale www.festival-cannes.fr.

Laura Dabbene

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews