Festival di Berlino. Orso d’Oro a Diao Yinan per ‘Black Coal, Thin Ice’

Alla Berlinale trionfa 'Black coal, thin ice'. A mani piene anche Wes Anderson e Richard Linklater

Un fotogramma da "Black cold, thin ice", film vincitore del Festival di Berlino 2014 (masedomani.com)

Un fotogramma da “Black cold, thin ice”, film vincitore del Festival di Berlino 2014 (masedomani.com)

Si è conclusa la sessantaquattresima edizione del Festival del Film di Berlino. Ad aggiudicarsi l’Orso d’Oro è stato il cinese Diao Yinan con il film Black coal, thin ice, una sorta di detective story in stile statunitense anni’90 incentrata sulla scoperta di alcuni cadaveri in un minuscolo villaggio del nord della Cina. Il film ha fatto molto discutere dividendo gran parte della critica internazionale di settore. Premiato anche l’attore protagonista, Liao Fan, per la migliore interpretazione maschile.

PREMIATI ANCHE LINKLATER E ANDERSON – Ad aggiudicarsi il secondo premio, invece, vale a dire l’Orso d’Argento per la migliore regia, è stato Richard Linklater con il sorprendente Boyhood, pellicola la cui lavorazione è durata ben dodici anni per seguire il reale sviluppo degli attori perfettamente coincidente con quello dei personaggi principali.

C’è spazio alla premiazione anche per Wes Anderson che, con The grand Budapest Hotel, notevole omaggio al cinema anni ’30, si è aggiudicato il Gran Premio della Giuria. L’Orso d’Argento per la migliore interpretazione femminile, invece, è andato a Haru Kuroki per The little house di Yoji Yamada.

ALTRI PREMI – La giuria coordinata da James Schamus ha, inoltre, conferito il premio per la migliore sceneggiatura a Station of the cross di Dietrich Brüggemann, mentre per il miglior contributo tecnico ha esultato il cinese Lou Ye per Blind massage. Alfred Bauer Award, poi, al maestro francese Alain Resnais. The circle dello svizzero Stefan Haupt ha invece vinto il premio come miglior documentario. Di seguito, la lista delle premiazioni.

Orso d’oro: Black Coal, Thin Ice (Bai Ri Yan Huo) di Diao Yinan

Orso d’argento Gran Premio della giuria: The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson

Orso d’argento Premio Alfred Bauer: Aimer, boire et chanter di Alain Resnais

Orso d’argento Miglior regia: Richard Linklater per Boyhood

Orso d’argento Miglior attore: Liao Fan per Black Coal, Thin Ice (Bai Ri Yan Huo) di Diao Yinan

Orso d’argento Miglior attrice: Haru Kuroki per The Little House (Chiisai Ouchi) di Yoji Yamada

Orso d’argento Miglior sceneggiatura: Dietrich Brüggemann, Anna Brüggemann per Station of the Cross (Kreuzweg) di Dietrich Brüggemann

Premio per il miglior contributo artistico:  Zeng Jian per Blind Massage (Tu Na) di Lou Ye

(Foto: masedomani.com /

Stefano Gallone

@SteGallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews