Ferrara: comunione negata a bimbo disabile

Ferrara – E’ incapace di intendere e di volere. Queste le motivazioni e giustificazioni che ha trovato un sacerdote (?) di una parrocchia a Porto Garibaldi (uno dei lidi in provincia di Ferrara) per non distribuire la prima comunione ad un bimbo disabile. La triste vicenda è accaduta giovedì scorso nel bel mezzo della cerimonia propedeutica per le prime comunioni. Il parroco del paese, don Piergiorgio Zaghi, ha così pensato bene di ‘saltare’ nella somministrazione dell’Eucarestia un bambino con ritardo mentale.

L’episodio ha ovviamente scatenato la polemica tra favorevoli e contrari al gesto del parroco. E’ stata anche scritta una lettera da parte di alcuni genitori dei compagni di classe del piccolo che frequenta la quarta elementare a Porto Garibaldi con la quale invitavano il prete a ritornare sulle sue decisioni. La risposta del parroco, nell’omelia pronunciata durante la messa del venerdì Santo, è stata: “è vero che la dottrina non prevede l’esclusione dall’Eucarestia per le persone incapaci di intendere e volere, ma io avrei avrebbe desiderato che il piccolo capisse o intuisse la portata del sacramento”.

Dunque, secondo monsignor Antonio Grandini, vicario della diocesi di Ferrara-Comacchio, reduce da un incontro con la famiglia del bambino, non c’è stata alcune discriminazione. Ed ha, inoltre, aggiunto: “per  ricevere il sacramento il bambino dovrebbe saper distinguere il pane dall’ostia e questo, al momento, non è avvenuto; tuttavia, non si esclude, aggiunge monsignor Grandini, che il piccolo possa terminare il suo percorso di crescita spirituale e ricevere il sacramento a maggio”.

La vicenda è un po’ un controsenso. Infatti, già da qualche tempo don Zaghi aveva accettato, su richiesta della famiglia, di occuparsi della crescita spirituale del bambino, dato che i genitori non potevano portarlo a catechismo ogni settimana. Il prete si era procurato dvd e cartoni animati per far conoscere la fede e la dottrina al piccolo. Nonostante ciò, giovedì pomeriggio, poco prima della funzione preparatoria alla prima comunione, il parroco avrebbe informato la famiglia della propria intenzione di escludere il bambino dalla cerimonia.

Una storia amara questa del ‘piccolo escluso’ che induce a riflettere. E meno male che la Chiesa dovrebbe divulgare i valori morali, come quello della tolleranza e la fratellanza…

Redazione

Foto via liberoquotidiano.it;curiosone.tv

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

3 Risponde a Ferrara: comunione negata a bimbo disabile

  1. avatar
    Anonimo 12/04/2012 a 11:19

    Egregi Signori,

    la notizia da voi pubblicata in merito alla presunta comunione negata a un bambino disabile non è altro che l’ennesima bufala propagata dall’ormai mitico avv. Giacinto Canzona, specializzato in panzane galattiche: prima di pubblicare una notizia “improbabile” (soprattutto se è un pretesto per attaccare la Chiesa) sarebbe meglio fare una verifica… si eviterebbero figuracce e querele per diffamazione.

    Vi conviene pubblicare una rettifica.

    http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/bimbo-disabile-accoglienza-e-non-rifiuto.aspx

    Rispondi
  2. avatar
    Gino 12/04/2012 a 11:23

    Egregi Signori,

    la notizia da voi pubblicata in merito alla presunta comunione negata a un bambino disabile non è altro che l’ennesima bufala propagata dall’ormai mitico avv. Giacinto Canzona, specializzato in panzane galattiche: prima di pubblicare una notizia “improbabile” (soprattutto se è un pretesto per attaccare la Chiesa) sarebbe meglio fare una verifica… si eviterebbero figuracce e querele per diffamazione.

    Vi conviene pubblicare una rettifica.

    http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/bimbo-disabile-accoglienza-e-non-rifiuto.aspx

    Rispondi
  3. avatar
    bqanto 17/04/2012 a 22:35

    La notizia è falsa, le dichiarazioni sono state rilasciate da una mitomane, non dalla madre del bambino. La cerimonia è stata concordata così dalla famiglia e dal parroco, il quale tra l’altro fa personalmente catechismo al bambino andando a casa sua. Ne ha parlato anche Striscia la notizia (http://www.striscialanotizia.mediaset.it/puntata/ultimapuntata.shtml?2).

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews