Eurolega – Top 16: Siena avanza, chiudono bene Milano e Cantù

MONTEPASCHI SIENA – REAL MADRID 90-102

Simone Pianigiani ha portato Siena ai playoff di Eurolega

Dopo tre quarti di sostanziale equilibrio, il Montepaschi molla il colpo nell’ultimo parziale, concedendo campo al Real Madrid, cui però il successo con 12 punti di scarto non basta: Bilbao infatti vince contro il Malaga e corona con successo il proprio sogno di avanzare alla fase successiva, cosa alquanto imprevedibile in sede di pronostico. Il quintetto di Pianigiani inizia con ritmo basso, tentando con scarsi risultati di opporre la solita asfittica difesa alla velocità di Llull e alla stazza fisica di Begic e Tomic: il Madrid è avanti, ma la tripla di Bootsy Thornton su illuminante assist di McCalebb regala a Siena il primo sorpasso sul 16-13. Andersen conferma di non essere nel suo miglior momento di forma, condizionato anche da problemi di falli e con l’australiano in panchina Siena fa uscire dal proprio cilindro il gioco di prestigio Tomas Ress.

L’azzurro è devastante dalla lunga distanza, con 5 bombe in rapida successione che esaltano il pubblico del PalaEstra: Tomic non riesce a marcarlo e Siena può rimanere incollata a una partita in cui il Real tira costantemente a ridosso del 70% all’interno della linea dei 3 punti. 7 punti di Moss nel terzo quarto sembrano dare fiato a Siena, ma nel quarto periodo l’ottima vena di Pocius e Reyes e la ormai certezza del primato fiaccano la resistenza del quintetto di Pianigiani, che passa dal +1 con cui si chiude il primo minuto del quarto, fino al -12 finale. Poco male, perché il prossimo turno porta in dote l’Olympiacos, sicuramente una delle più abbordabili tra le squadre in corsa.

EA7 EMPORIO ARMANI – FENERBAHCE ULKER 85-72

Continua la striscia positiva di Milano, cui non possono mancare grandi rimpianti per com’è stata condotta la prima parte di Eurolega: che il problema fosse solo Drew Nicholas è difficile da credere, sicuramente l’infortunio al tendine di Malik Hairston ha inciso, ma è anche vero che a livello mentale e di atteggiamento, la squadra vista nel girone d’andata e quella vista in questo girone di ritorno non sono nemmeno lontane parenti.

Il Fenerbahce coltivava piccole residue speranze di qualificazione, ma contro un Malik Hairston da 27 punti e 11/16 al tiro c’è davvero poco da fare: quando l’ex Siena è libero di sprigionare il suo potenziale atletico, la difesa necessariamente deve andare a raddoppiare, aprendo il campo alle triple di Cook, Bremer e Gentile (12 in 14 minuti in campo chiusi con 5 falli). Tra secondo e terzo quarto Milano piazza il break decisivo, portando il margine sopra la doppia cifra: Gist e Preldzic tentano un riaggancio, ma quando la palla pesa è solo Ukic a prendersi le responsabilità, producendo confusione, palle perse e forzature. Milano può concedersi così un ultimo quarto in controllo, salutando l’Eurolega con un’ottima prestazione, buon viatico per un finale di campionato come principale contender per Siena.

ZALGIRIS KAUNAS – BENNET CANTU’ 71-77

Andrea Trinchieri si dispera: a Cantù è mancato davvero poco per una inattesa qualificazione (basketnet.net)

Senza Micov e senza Gianluca Basile, Cantù chiude il proprio cammino in terra lituana, sul parquet della Cenerentola Zalgiris: gli alti e bassi dei baltici, mai capaci di mantenere continuità su entrambi i lati del campo, permettono a Cantù di non uscire mai dalla partita, grazie a uno strepitoso Manuchar Markoishvili da 32 punti con 5 bombe mandate a bersaglio su altrettanti tentativi e al solito Shermadini, presenza costante nel pitturato e dalla linea dei liberi.

L’ex Montepaschi Rakovic e Popovic sono gli unici in maglia Kaunas a tentare di mandare avanti la partita, di per sé priva di spunti vista la prematura eliminazione di entrambe le squadre: l’ottimo Doron Perkins da 8 punti 8 rimbalzi e 6 assist sembra finalmente essersi inserito in pianta stabile e coach Trinchieri gli concede un minutaggio sempre più ampio. Nel finale di gara, dopo un terzo quarto così così, Cantù ritrova la retta via e piazza il break decisivo, coronato dalla bimane in campo aperto dell’energico Greg Brunner. Il ritorno nell’Europa che conta non può che essere valutato in maniera ampiamente positiva per la Bennet, con un arrivederci alla stagione prossima con maggiori speranze.

Andrea Samele

RISULTATI
GR E

Anadolu Efes 65 – CSKA Moscow 82
Olympiacos 88 – Galatasaray Medical Park 81

GR F

Unicaja 55 – Gescrap BB 59
Montepaschi Siena 90 – Real Madrid 102

GR G

Unics 63 – Panathinaikos 68
EA7 Emporio Armani 85 – Fenerbahce Ulker 72

GR H

Zalgiris Kaunas 71 – Bennet Cantù 77
FC Barcelona Regal 70 – Maccabi Electra 67

CLASSIFICHE

GR E
CSKA 5-1
Olympiacos 3-3
GS 3-3
Efes 1-5

GR F
Siena 4-2
Bilbao 4-2
Madrid 4-2
Malaga 0-6

GR G
Panathinaikos 4-2
Unics 3-3
Milano 3-3
Ulker 2-4

GR H
Barcellona 6-0
Maccabi 3-3
Cantù 3-3
Kaunas 0-6

ACCOPPIAMENTI PLAYOFF

Siena – Olympiacos
CSKA – Bilbao

Panathinaikos – Maccabi
Barcellona – Unics

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews